Home Notizie del Giorno Cristiana Verardo aprirà l’edizione 2024 di “Eco di donna Evolution”

Cristiana Verardo aprirà l’edizione 2024 di “Eco di donna Evolution”

da Redazione

Torna Eco di Donna Evolutionla rassegna a San Giuliano Mare di Rimini dedicata alla musica d’autrice e giunta alla sua sesta edizione. Ad accoglierla, dall’11 al 13 luglio 2024, saranno il Giardino di Bimby – Hotel delle Nazioni e la Piazzetta LaCuadra dell’Orto (via Lucio Lando, 109), grazie all’organizzazione dell’Associazione San Giuliano Mare e Caffè dell’Orto in collaborazione con Associazione Sarà e Musica di Seta, con il patrociniodella Regione Emilia-Romagna, dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna, del Comune di Rimini e della Casa delle donne. La direzione artistica è a cura della cantautrice Chiara Raggi, fondatrice e direttrice di Musica di Seta.

Eco di donna Evolution partirà giovedì 11 luglio alle 21.30 al Giardino di Bimby con il concerto di Cristiana Verardo, cantautrice e chitarrista salentina classe ’90, tra gli otto vincitori di Musicultura 2023 e vincitrice assoluta del Premio Bianca d’Aponte 2019.

Un concerto per voce e chitarra per cantare i brani tratti dai suoi primi due album “Maledetti ritornelli” e “La mia voce”, che narrano storie, sviluppano pensieri e ridanno dignità a sentimenti spesso sfacciatamente nascosti. Dalle produzioni di Cristiana Verardo emerge la sensibilità verso tematiche sociali e un punto di vista tenace sulla realtà, in lotta contro la perdurante disparità di genere e contro ogni forma di prevaricazione. Le sue canzoni sono un “megafono” per vite semplici eppure uniche e raccontano di un tempo vissuto sul filo dei sentimenti tra le memorie di amori passati che tornano a farsi sentire, i tormenti, le emozioni del presente e l’imprevedibilità del futuro.

La serata di venerdì 12 luglio si aprirà alle 18 al Giardino di Bimby con l’inaugurazione della mostra fotografica “I AM” di Omar Iannuzzi curata da Martina Censi per l’Associazione Sarà. Quello del fotografo riminese classe 1993 è un progetto fotografico che racconta una storia visiva dell’essenza della donna attraverso le diverse fasi della vita. Ogni immagine cattura momenti significativi che rappresentano la spontaneità e la purezza dell’infanzia, l’espressione personale, le sfide quotidiane e l’unicità dell’identità individuale. La sequenza fotografica inizia con un’immagine infantile e si conclude con una foto simile, sottolineando l’idea che, dopo un lungo viaggio, torniamo al punto di partenza, riscoprendo le nostre origini.

A seguire, alle 21.30, sempre nel Giardino di Bimby, si potrà assistere al concerto di Marlò “Il tempo delle cose” e a quello di Marta De Lluvia dal titolo  “La festa che non c’era”. L’album “Il tempo delle cose”, uscito dopo il brano della tradizione abruzzese “Tutte le fontanelle” realizzato insieme a Setak, trova nelle sfaccettature del concetto di tempo il suo filo conduttore. Le canzoni raccontano i rapporti, i posti, il principio e la fine delle cose attraverso la lente del tempo. Il tempo perso, il tempo consumato, il tempo investito, il tempo che resta, il tempo condiviso, il tempo del qui e ora.

“La festa che non c’era” porta sul palco le canzoni del secondo album in studio della cantautrice e poetessa recanatese Marta De Lluvia, arrivato dopo “Grano” finalista per la Targa Tenco come Miglior Opera Prima 2019. La scrittura di questo lavoro discografico è stata realizzata nel periodo della pandemia, che è coinciso con la gravidanza dell’artista e quindi il disco che ne risulta è un ponte che parte da storie (e canzoni vecchie) per attraversare il presente e toccare il nuovo. I brani sono fortemente autobiografici ma le esperienze e gli stati d’animo vengono condivisi con la speranza di incontrare ed abbracciare quelle di altri.

La rassegna si concluderà sabato 13 luglio dalle 19 nella Piazzetta Lacuadra dell’Orto con la presentazione del libro di Sara Jane Ghiotti “Band Leading”, seguita alle 21.30 dal concerto-spettacolo “Women Talk. Un racconto di donne” di e con Sara Jane Ghiotti e Silvia Valtieri. Ispirandosi al titolo di un celebre album di Carmen McRae, le due musiciste romagnole, dopo aver lavorato a stretto contatto durante il tour per la presentazione di “Non siamo tutti eroi” dedicato a Piero Ciampi, si raccontano attraverso il jazz, loro comune linguaggio. Il programma musicale si concentra su una narrazione femminile, dove groove e swing dominano un’ampia panoramica di artiste come Carla Bley, Edith Piaf, Joni Mitchell e Maria Schneieder. Non mancano in repertorio brani di autrici contemporanee come Camille, Bjork e Esperanza Spaulding ma anche brani interpretati a due voci come Girl Talk e Stolen Moments.

Ingresso libero.

La rassegna è organizzata da Associazione San Giuliano Mare eCaffè dell’Orto in collaborazione con Associazione Sarà. Rimini al futuro e Musica di Seta

Con il patrocinio di Regione Emilia-Romagna, Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna, Comune di Rimini e la Casa delle donne

Con il sostegno di: A tutta Randa, AroundGraphic, Hotel Marselli, Shareman Group

Media Partner: Icaro Tv

Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento