Home Dal giornale Donne, imprese e diritto: il Monte Titano “svetta”

Donne, imprese e diritto: il Monte Titano “svetta”

da Alessandro Carli

“Quando si tratta di limitazioni alla libertà di movimento, differenze di genere nella proprietà e nell’eredità e leggi che influenzano l’entità della pensione di una donna, San Marino ottiene un punteggio perfetto”. Questo è uno dei passaggi salienti di “Women, Business and the Law 2023”, il report firmato da World Bank e pubblicato nei giorni scorsi e che presenta un indice che copre 190 economie di tutto il mondo e che è strutturato attorno al ciclo di vita di una donna che lavora.

LA METODOLOGIA DEL REPORT WBL2023

In totale, 35 domande vengono valutate in base a otto indicatori. I punteggi complessivi vengono quindi calcolati prendendo la media di ciascun indicatore, dove 100 rappresenta il punteggio più alto possibile. I dati si riferiscono alle leggi e ai regolamenti applicabili alla principale città economica (San Marino).

In altre giurisdizioni, avverte Banca Mondiale, potrebbero applicarsi norme diverse, pertanto la legislazione locale dovrebbe essere rivista. Sulla base di questo approccio, San Marino ottiene un punteggio di 80 su 100.

Il punteggio complessivo per la Repubblica di San Marino è inferiore alla media regionale osservata in Europa e Asia centrale (84,4). Nella regione dell’Europa e dell’Asia centrale, il punteggio massimo osservato è 94,4 (Cipro).

PUNTI DI FORZA DEL MONTE TITANO

Come detto in apertura, Banca Mondiale scrive che “quando si tratta di limitazioni alla libertà di movimento, differenze di genere nella proprietà e nell’eredità e leggi che influenzano l’entità della pensione di una donna, la Repubblica di San Marino ottiene un punteggio perfetto”. Tuttavia, si legge nella sezione “Aree di miglioramento”, per quanto riguarda le leggi che influenzano la decisione delle donne di lavorare, le leggi che influenzano la retribuzione delle donne, i vincoli legati al matrimonio, le leggi che influenzano il lavoro delle donne dopo aver avuto figli e i vincoli per le donne che avviano e gestiscono un’impresa, la Repubblica di San Marino potrebbe prendere in considerazione riforme per migliorare l’uguaglianza giuridica per le donne.

Ad esempio, uno dei punteggi più bassi ottenuti dalla Repubblica di San Marino in questo report riguarda l’indicatore che misura le leggi che influenzano le decisioni delle donne di lavorare (l’indicatore WBL2023 Workplace).

Per migliorare l’indicatore sul posto di lavoro, la Repubblica di San Marino, suggerisce in conclusione World Bank, “potrebbe prendere in considerazione l’adozione di una legislazione che protegga le donne dalle molestie sessuali sul lavoro e l’adozione di sanzioni penali o civili per le molestie sessuali sul lavoro”.

Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento