Home Dal giornale San Marino, Fior di Verbena ha compiuto 40 anni

San Marino, Fior di Verbena ha compiuto 40 anni

da Alessandro Carli

La musica, Mara Verbena, non ce l’ha non solo nel cognome (dalla “Madama Butterfly” di Giacomo Puccini dove a un certo momento si parla di “Verbena” a Fabrizio De André, dai fiordalisi di “La canzone di Marinella” ai garofani di “Crêuza de mä”) ma anche nell’aria che la avvolge: quella del negozio “Fior di Verbena”, da 40 anni punto di riferimento dei colori e dei profumi.

A Giacomo Puccini e Fabrizio De André però Mara (che ha sangue anche ligure) aggiunge un altro artista. “Quest’anno sono stata chiamata nel set di una serie tv Sky sugli 883 per allestire in stile anni Ottanta il negozio dei genitori di Max Pezzali che a Pavia avevano una ‘bottega’ di fiori piuttosto conosciuta: lavoravano con Interflora e spesso portavano i fiori ai personaggi della televisione”.

Mentre prepara le composizioni per la visita di Sergio Mattarella (6 dicembre), la radio trasmette “Sfiorivano le viole” di Rino Gaetano. Ma basta alzare gli occhi alloggiarli alle pareti: lungo la scaletta che porta al piano di sotto si staglia un manifesto che ricorda che dal 2016 al 2019 ha realizzato “i fantastici bouquet floreali del Festival di Sanremo”.

Mentre racconta i suoi primi otto lustri di attività (“Ho aperto il 22 maggio del 1983 in via Ca’ dei Lunghi ma non al civico 54, un po’ più su, verso la Superstrada”) sta preparando i fiori per il Presidente della Repubblica italiana: “Ortensie made in Napoli” per l’azzurro e il bianco sammarinese e una varietà di Anturium chiamato “Zafira”, bellissimo e a “tema” in quanto racchiude il Tricolore.

“Sono autodidatta, figlia di ristoratori – ricorda Mara -. Quarant’anni fa mi è venuta l’idea di aprire un negozio di fiori perché secondo me serviva e perché, ovviamente, mi piacevano. Ho iniziato frequentando una serie di corsi in Olanda ma anche in altri luoghi: la formazione, anche nel nostro campo, è importante”. Il suo, ammette, “non è un lavoro ma un mestiere. La passione viene lavorando: solo se sei ‘ammalato’ (ride) puoi farlo. Vista la tipologia di prodotti che tratto, è necessario avere un bel magazzino fornito per andare incontro alle esigenze dei clienti”.

Serve passione, quindi, curiosità e voglia di guardare avanti, quindi osare e sperimentare. Ha già compiuto 30 anni una sua invenzione, “Fior d’Acqua” (un sistema di esposizione refrigerato per fiori recisi che ti consente di cambiare l’acqua solo una volta al mese, mantenendo i fiori più a lungo; si tratta di un espositore refrigerato con il ricircolo continuo dell’acqua, che prolunga la vita dei fiori evitando lo stress termico tipico delle celle frigorifere, ndr) mentre è più recente (2008) la “Rosa San Marino”, un nuovo ibrido selezionato da Nirp International tra 200 esemplari per onorare la Repubblica di San Marino con un fiore che nel tempo è diventata anche una linea di prodotti.

“La ‘Rosa San Marino’ è numerata – spiega Mara – e in edizione limitata. Nel 2008 ne portai un esemplare all’allora Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi. Mi recai di persona a Villa Arcore: lui la gradì molto e mi ringraziò con una lettera”. Una inoltre venne donata al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano in occasione della sua visita a San Marino e a Mattarella portata dai nostri Capitani Reggenti. È la stessa Mara a raccontare il dono e quello che accadde in seguito. “Nel 2016 Virginia Raffaele venne sul Titano con uno spettacolo e le donai un esemplare di ‘Rosa San Marino’. L’anno dopo ci rivedemmo a Sanremo, mi fermò e mi disse che doveva farmi vedere una foto: era quella di suo babbo che orgoglioso mostrava la sua fioritura.

I colori che abbracciano chi entra nel suo negozio trasmettono calore e donano sorrisi. Sono tantissimi. “Quarant’anni fa si lavorava con 10 varietà di fiori, oggi devi conoscerne più di 100”.

Una bella mano al settore è arrivata dai social. “Dall’arrivo di Facebook e di Instagram l’attenzione è cresciuta molto: viviamo in un mondo di immagini e i fiori sono soggetti spesso immortalati. Anche il Covid ha dato una bella spinta al comparto: le persone, loro malgrado, hanno dovuto trascorrere più tempo in casa e hanno scoperto che si vive meglio con una pianta o con una composizione colorata di fiori.

Il lungo compleanno dell’attività non è ancora terminato. Dopo l’evento del 19 ottobre ospitato al Centro Congressi Kursaal intitolato “Dalle radici all’evoluzione del floral design, ricerca e sviluppo dei nuovi trend 2024” (“Concluso con un evento unico: cenare tra creazioni floreali realizzate durante seminari e workshop da otto maestri dell’arte floreale e dai loro 38 allievi che poi sono stati accolti in udienza dagli Eccellentissimi Capitani Reggenti” ricorda Mara che, oltre a essere imprenditrice, dal 2022 è anche Console Onorario del Messico presso la Serenissima Repubblica di San Marino), la prossima tappa sarà a Roma. “A dicembre sarò nella capitale per allestire, assieme al gruppo AFFI, l’Associazione Floricoltori e Fioristi Italiani, il Concerto di Natale in Vaticano” mentre il 30 dicembre sarà nella Repubblica di San Marino per un “doppio compleanno”: i suoi 40 anni di attività e i 50 anni di Giorgia Boutique. Per il prestigioso traguardo di due imprenditrici del Monte Titano verrà realizzata una sfilata con aperitivo, abiti e, ovviamente, fiori. 

Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento