Home Dal giornale Il nuovo corso abilitante per insegnare all’Ateneo

Il nuovo corso abilitante per insegnare all’Ateneo

da Alessandro Carli

Nuovi insegnanti cercasi: le sfide del futuro salgono in cattedra con l’Università di San Marino che organizza, per l’anno accademico 2023-2024, il “Corso di formazione abilitante all’insegnamento” (di cui all’articolo 2 del Decreto Delegato del 23 giugno 2021 numero 112).

I REQUISITI RICHIESTI

Il corso, riservato ai cittadini sammarinesi e ai residenti nella Repubblica di San Marino, prevede:

a) l’acquisizione di almeno 60 CFU comprensivi di tirocinio (crediti formativi universitari, ciascuno corrispondente a 25 ore di impegno complessivo);

b) un esame finale in cui la valutazione minima per il conseguimento dell’abilitazione all’insegnamento è fissata a 70/100. Il conseguimento della attestazione di idoneità può costituire requisito per la partecipazione a procedure di selezione.

I titoli richiesti per l’iscrizione al corso sono quelli previsti dall’Allegato “A” al Decreto Delegato 23 giugno 2021 n.112 per l’iscrizione alle graduatorie per l’insegnamento. Tali titoli devono essere conseguiti entro la data di inizio del corso. Eventuali crediti aggiuntivi, necessari ai fini dell’inserimento nella specifica graduatoria per l’insegnamento, possono essere ottenuti anche successivamente alla frequenza del corso, senza che ciò pregiudichi la validità del medesimo e la conseguente abilitazione.

Coloro che hanno conseguito in Italia l’abilitazione all’insegnamento riferita ad una specifica classe di concorso, possono iscriversi al corso di cui all’articolo 1 per estendere l’abilitazione a tutte le classi di concorso previste per il titolo in possesso. In tal caso possono essere previsti percorsi formativi ridotti, sui quali verterà l’esame finale e la relativa quota d’iscrizione è riparametrata sulla base del numero di moduli frequentati.

LE ISCRIZIONI

L’Università d’intesa con il Dipartimento Istruzione:

a) cura le iscrizioni, lo svolgimento e gli aspetti organizzativi ed amministrativi del corso;

b) determina il numero minimo di iscritti e l’ammontare delle quote di iscrizione che dovranno autofinanziare il corso, in accordo a quanto previsto dall’art. 5, comma 2, della Legge n. 57 del 2007 così come modificato dall’art. 1 della Legge 163 del 2013;

c) determina l’eventuale numero massimo di iscritti e le conseguenti modalità di selezione.

Il corso non viene attivato qualora non venga raggiunto il numero minimo di partecipanti. In tal caso le quote di iscrizione vengono rimborsate al netto delle spese bancarie.      

Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento