Home Dal giornale “Il turista e il contadino”: appuntamento sulla terrazza del Nido del Falco

“Il turista e il contadino”: appuntamento sulla terrazza del Nido del Falco

da Redazione

Un posto unico per un evento unico. Fervono i preparativi all’interno del Consorzio Terra di San Marino per “Il turista e il contadino”, l’evento enogastronomico che verrà ospitato sulla Terrazza del Nido del Falco dal 4 al 7 agosto per scoprire e riscoprire i prodotti tipici del Monte Titano. Per quattro giorni quindi spazio alle produzioni agroalimentari sammarinesi: carne, vino, olio, miele, formaggi, pane, piadina, pasta, pizza, biscotti e altro, in programma, oltre alle “presentazioni” del lavoro delle singole “anime contadine”, anche una serie di laboratori di degustazione guidata. Un laboratorio di tipicità, di genuinità e salubrità, una tradizione che generazione dopo generazione, ci ha tramandato un patrimonio enogastronomico unico.

Qualità, rispetto dell’ambiente, riscoperta delle proprie tradizioni, identità storica un messaggio da veicolare agli ospiti dell’evento, per una “cultura che nutre”.

Cibo come “elemento” di conoscenza di un territorio, della sua arte, ma anche come “calamita” turistica, quasi a voler dimostrare, come se ce ne fosse davvero bisogno, che il Monte Titano non è solamente un luogo di “vacanza” ma anche di grande tradizione culinaria, oggi sempre più veicolo identitario.

Dai prodotti della Cooperativa Allevatori Sammarinesi, che gestisce l’intera filiera, dall’allevamento dei bovini alla vendita al consumatore finale, per avere una filiera più controllata e garantita alla CAPA che, oltre alle farine, presenterà i “lavorati”, quindi il pane, la piadina, la pasta e i biscotti.

E ancora: il Consorzio Vini Tipici di San Marino con le sue bottiglie che da tempo stanno ottenendo innumerevoli riconoscimenti anche all’estero. Vini sempre più “messaggeri”, per la Repubblica di San Marino, della tipicità culturale e morfologica del territorio ed espressione non solo di tradizioni, passioni e antichi saperi, ma anche della capacità dell’intera filiera vitivinicola di adattarsi al processo di modernizzazione produttiva che la ricerca della qualità esige. Marchi a identificazione di origine come i rossi Tessano e Brugneto, e i bianchi Caldese, Biancale e Roncale, o il passito “Oro dei Goti”. Inoltre ricotta, yogurt e formaggi della Cooperativa Latte Sammarinese che, con un po’ di fantasia, si possono sposare con gli altri prodotti delle cinque filiere: il miele della Cooperativa Apicoltori, ma anche le salse e i condimenti della carne. Immancabile poi l’abbinamento “formaggi-vino”. Per questo “matrimonio” esistono regole precise, certo, che però possono essere anche personalizzate,

i formaggi a pasta molle in generale si adattano all’abbinamento con i vini bianchi, quelli giovani a pasta semidura vanno d’accordo sia con i bianchi ma anche con i rossi di media struttura e intensità.

Il Titano è anche “dolce come il miele”. Questo grazie all’impegno e alla passione dei soci della Cooperativa Apicoltori che da circa un migliaio di arnie riesce a ottenere l’oro “zuccheroso” di Millefiori, Acacia, Sulla, Tiglio e Melata. La Cooperativa Olivicoltori Sammarinesi presenterà l’olio extra vergine, prodotto da olive tradizionali del territorio: Leccino, Frantoio, Sursina, Brugnola e Moraiolo. In attesa dell’olio 2022, quello dello scorso anno è stato davvero eccellente in quanto il sole ha donato all’oliva una straordinaria carica di fenoli e di antiossidanti.

Vista, olfatto, gusto, gioco, animazione e creatività per un evento singolare.

Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento