Home Notizie del Giorno Quirinale, Calenda a Radio 24: “Perdere Draghi sarebbe una follia”

Quirinale, Calenda a Radio 24: “Perdere Draghi sarebbe una follia”

da Redazione

“Cartabia ci sembra un punto di equilibrio buono ma soprattutto sono quelli che chiedono da un mese di decidere se e come il governo deve andare avanti. Sull’energia che vogliamo fare? Perché noi siamo per la ripresa delle estrazioni di gas, ma i 5 Stelle ci sono o non ci sono? La cosa peggiore che si possa fare è eleggere qualcuno al Quirinale, tenere Draghi al governo ma non fargli fare assolutamente nulla. Credo che la cosa fondamentale sia sedersi, fare un patto di legislatura, decidere come va a finire sui temi fondamentali che abbiamo davanti e verificare se ci sono le condizioni o meno, altrimenti è meglio che Draghi vada al Quirinale, perderlo sarebbe una follia”. Lo ha detto Carlo Calenda (foto: Radio 24), leader di Azione, a 24 Mattino su Radio 24.

“QUIRINALE: TRATTATIVE COME UN BRANCO DI RAGAZZINI A CHI SPUTA PIÙ LONTANO”

“Siamo tutti nello stesso Governo e non ci si riesce ad incontrare. Ma vi rendete conto che è solo un giochino di tatticismo di chi si scopre prima, di chi si scopre dopo, è una cosa vergognosa. Un branco di ragazzini che fanno la gara a chi sputa più lontano mentre il Paese ha Omicron, l’energia alle stelle e nessuno che propone una soluzione concreta. E che palle uno si siede e si confronta poi se non si trova l’accordo, eleggiamo il presidente e si vada ad elezioni”. Lo ha detto Carlo Calenda, leader di Azione, a 24 Mattino su Radio 24.

“ENERGIA: STRATEGIA GIUSTA MA CIFRE CINGOLANI BASSE”

“Dalle aste ETS utilizzandole per abbattere tutti gli oneri straordinari nelle bollette, si possono tirare fuori 2,8 miliardi, che è il doppio di quello che dice il ministro Cingolani. Come per la tassazione degli extra profitti derivanti dalla congiuntura del prezzo del gas, secondo me si possono fare molti più soldi di quelli detti da Cingolani. La situazione è da fermata produttiva delle imprese: chi ha costi molto alti per l’energia rischia di fermarsi”. Lo ha detto Carlo Calenda, leader di Azione, a 24 Mattino su Radio 24.

Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento