Home FixingFixing San Marino, offerta formativa, ecco le novità da settembre

San Marino, offerta formativa, ecco le novità da settembre

da Redazione

Il nr. di educatori nella scuola d’infanzia e l’educazione motoria. Nella “Secondaria superiore” è stato confermato il laboratorio teatrale.

offerta formativa

 

di Alessandro Carli

 

Le novità contenute negli interventi nella organizzazione del sistema scolastico e nell’offerta formativa (Decreto Delegato del 10 luglio 2018 numero 83 riguardano non solo il numero degli educatori e degli insegnanti nei plessi della Scuola dell’Infanzia in rapporto agli alunni iscritti e alla formazione (vedi grafico) ma anche una l’avvio della sperimentazione nella Scuola dell’Infanzia e nella Scuola Elementare per l’insegnamento di Educazione Motoria a partire dall’anno scolastico 2018-2019 e per i successivi tre anni.

E’ cura dei Dirigenti scolastici dei suddetti ordini scolastici elaborare un progetto sperimentale, che preveda un razionale impiego delle risorse professionali e privilegi la continuità didattica verticale, con la possibilità per gli insegnanti di educazione motoria di prestare docenza in entrambi gli ordini scolastici.

Per l’attuazione di tale progetto e per l’intera durata della sperimentazione, spiega il Decreto Delegato, “sono previsti complessivamente, nei predetti ordini scolastici, 16 insegnanti di Educazione Motoria (INSMED)”.

L’indennità di funzione e l’orario di docenza verranno determinati in base alle ore svolte in ciascun ordine scolastico. Gli insegnanti già assegnati alla Scuola Elementare conservano, fino ad eventuale trasferimento, l’indennità di funzione acquisita, indipendentemente dal grado scolastico in cui presteranno servizio.

Nei plessi della Scuola Elementare dove è attivo l’intero corso quinquennale e più di una classe sia costituita da un numero di alunni inferiore a 13, viene demandato alla Direzione Didattica il compito di predisporre, in collaborazione con i docenti dei plessi coinvolti, un progetto sperimentale, di durata quinquennale, che preveda attività didattiche rivolte a ciascun gruppo classe, alternate ad esperienze a classi aperte, che favoriscano occasioni di confronto in un gruppo più numeroso e maggiori stimoli di tipo culturale nelle attività di ricerca, fermo restando il vincolo del non superamento dei numeri previsti dall’articolo 3 della Legge n. 87/2003.

In deroga all’articolo 17 del Decreto Delegato 10 giugno 2014 n. 86, per l’attuazione del progetto sperimentale, che avrà decorrenza dall’anno scolastico 2019/2020, verranno assegnati, oltre ai docenti di Lingua Inglese, Educazione Motoria e Religione, 9 insegnanti elementari per i plessi in cui siano presenti almeno 2 gruppi classe con un numero di iscritti inferiore a 13, 8 insegnanti elementari qualora le classi ad avere un numero inferiore a 13 alunni siano almeno quattro.

In considerazione del fatto che l’organizzazione scolastica della Scuola Media Inferiore e della Scuola Secondaria Superiore prevede unità di lavoro di durata inferiore a 60 minuti, l’orario di servizio destinato all’insegnamento viene completato fino al raggiungimento delle 18 ore settimanali, dando priorità ad attività didattiche di potenziamento e arricchimento dell’offerta formativa programmate dal Collegio dei Docenti (ai sensi del comma 2, lettera c), dell’articolo 8, della Legge n. 21/1998).

È rinnovata, anche per l’anno scolastico 2018/2019 (e con le medesime modalità di cui all’articolo 2 del Decreto Delegato 145/2015) la sperimentazione di ordinamento relativa all’introduzione di un laboratorio teatrale nella Scuola Secondaria Superiore. Confermata inoltre, conclude il Decreto Delegato numero 83 del 2018, la sperimentazione di ordinamento relativa all’insegnamento dell’informatica e al potenziamento delle materie scientifiche nell’indirizzo scientifico della Scuola Secondaria Superiore.

Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento