Home categorieComunicati Stampa NAT San Marino, Marigliano: “Noi bravi ma puniti su nostri errori”

NAT San Marino, Marigliano: “Noi bravi ma puniti su nostri errori”

da Redazione

Dopo due partite e altrettante sconfitte, alla NAT San Marino restano la consapevolezza di non potere più aspirare al passaggio del turno e l’amarezza di non essere riuscita a tradurre sul piano del risultato le buone prove offerte sul campo sia con la RAT Ungheria che con la RAT Repubblica Ceca.

A proposito della gara contro i padroni di casa, questa l’analisi del C.T. Bizzotto: “È stato veramente un peccato: siamo partiti ad handicap come nell’altra partita, prendendo gol su un’azione in cui loro sono stati veramente bravi e hanno dimostrato tutta la loro forza fisica. Nel primo tempo non abbiamo giocato secondo quello che avevamo preparato, ma ci può stare, i ragazzi sono stati comunque bravi. Nel secondo tempo abbiamo avuto invece qualche possibilità in più. Quanto al possibile rigore su Neri, diciamo che va rivisto. In ogni caso, siamo rimasti in partita fino ai minuti finali, quando abbiamo preso il secondo gol. Speravamo un po’ tutti nel pareggio, anche perché loro erano un po’ calati. Come prestazione credo sia stata anche più positiva di quella della prima partita. Soprattutto nel secondo tempo abbiamo fatto delle buone trame di gioco contro una squadra che ha delle potenzialità fisiche che sono fuori dalla nostra portata. Ma ritengo che sul piano del palleggio, perlomeno, siamo riusciti a metterli in difficoltà.”

Mercoledì, contro la RAT Bosnia ed Erzegovina, si giocherà con l’obiettivo di chiudere il girone al terzo posto.

“Prima di tutto cerchiamo di recuperare le forze – prosegue il Commissario Tecnico – perché cominciano a farsi sentire le fatiche di due partite condotte a questi ritmi. Dopodichè affronteremo la Bosnia con tutte le energie a nostra disposizione. Anche questa volta noi dello staff cercheremo di studiare i nostri avversari e di dare qualche suggerimento ai giocatori, per avere qualche possibilità in più. Però, conoscendo i ragazzi, credo che anche nell’ultima partita sicuramente non si risparmieranno.”

E non si è certamente risparmiato Kevin Marigliano, in campo in entrambe le gare giocate fino a qui. “Sfumato il grande obiettivo del primo posto, gli stimoli adesso sono minori, ma quello di non chiudere come ultimi è comunque uno scopo che ci spingerà a fare bene. E’ chiaro che arrivare primi sarebbe stato un onore per noi e per il Paese che rappresentiamo, ma cercheremo comunque di dare il meglio per arrivare almeno terzi”.

Secondo l’attaccante in forza al Tre Penne, per fare bene contro la Bosnia ed Erzegovina non occorrerà stravolgere tante cose: “Io credo che non siano molti gli aspetti da cambiare. Come gruppo abbiamo dimostrato di essere praticamente alla pari degli altri, solo che nelle poche cose che abbiamo sbagliato i nostri avversari sono sempre stati bravi a punirci. “

Tra oggi e domani sarà fondamentale ricaricare le batterie, anche perché ormai cominciano ad accumularsi le fatiche non di una, ma di ben due partite.

“Le due gare sono state molto fisiche e sono state spese parecchie energie. – prosegue Marigliano – Da parte nostra, come squadra, abbiamo dato molto e fatto bene. Siamo stati sfortunati in alcune occasioni, mentre in altre avremmo potuto fare meglio e siamo stati puniti. Ma per il resto abbiamo offerto tutti quanti due ottime prestazioni.”

Il programma odierno dei biancoazzurri prevedeva una escursione mattutina ed un allenamento nel pomeriggio. Domani i ragazzi di Bizzotto torneranno ancora sul campo per una nuova seduta ed inoltre sosterranno una riunione tecnica per conoscere meglio il loro prossimo – ed ultimo – avversario, quella RAT Bosnia ed Erzegovina con cui incroceranno i tacchetti mercoledì prossimo alle ore 17:00.

Luca Tomassoni e Roberto Neri, squalificati, non saranno della partita.

Intanto, la gara di ieri mattina verrà trasmessa in differita su RTV Sport – canale 93 del digitale terreste – alle 20:35 di questa sera.

Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento