Home FixingFixing Economia romagnola, è tornata la primavera

Economia romagnola, è tornata la primavera

da Redazione

I dati dell’indagine congiunturale segnalano una ripresa sistemica. Fatturato totale, crescita a due cifre. E le previsioni 2018 sono positive.

 

Riparte l’economia della Romagna. L’Indagine Congiunturale sulla situazione economica delle imprese riminesi aderenti a Confindustria Romagna, effettuata dal Servizio Economico dell’Associazione e relativa ai dati consuntivi del secondo semestre 2017 e alle previsioni per il primo semestre 2018, mette in luce un andamento omogeneo delle imprese che operano all’interno dello stesso settore con parametri positivi. In generale il report, presentato nei giorni scorsi, esprime un cambio di passo e una netta ripresa dei principali indicatori compreso il dato relativo al fatturato estero, superiore anche all’andamento su scala nazionale.

 

CONSUNTIVO II° SEMESTRE 2017


Fatturato totale +10,4% rispetto al secondo semestre 2016 (fatturato estero +14,8%; fatturato interno +8,5%). Con riferimento alla classe dimensionale delle imprese, quelle con un numero di dipendenti compreso fra 50 e 249 evidenziano il dato migliore: fatturato totale +14,7%, fatturato interno +14,9%, fatturato estero +9,9%.

Le aziende con meno di 50 dipendenti segnano +10,2% del fatturato totale, +11,1% del fatturato interno e +6,4% del fatturato estero. Stessa situazione per le grandi imprese, quelle con numero di dipendenti maggiore o uguale a 250: fatturato totale +8,9%, fatturato estero e fatturato interno rispettivamente +17,1% e +6,3%.

Il grado di internazionalizzazione delle imprese, inteso come percentuale di fatturato estero sul totale, si attesta in media al 57,7% con una percentuale del 63,6% nelle grandi aziende, del 44,5% nelle aziende comprese fra 50 e 249 addetti e del 43,5% nelle aziende con meno di 50 dipendenti.

Produzione: +11,9%. Crescono più le imprese medie +15,5%, le piccole e le grandi hanno registrato un aumento rispettivamente del 14,6% e del 10,7%.

Occupazione: + 7,9%. Cresce soprattutto per le grandi (+8,6%), per le medie e per le piccole l’aumento si è attestato rispettivamente a +5,4% e +5,3%.

Ordini totali: il 60,3% delle imprese campione dichiara un aumento, mentre per il 12,1% sono in diminuzione. Ordini esteri: il 46% delle imprese li ha avuti in aumento, mentre il 12% li ha visti diminuire.

Giacenze: stazionarie per il 62,5% del campione, in aumento per il 25% e in diminuzione per il 12,5% dei casi.

Costo delle materie prime: in aumento per il 67,3% delle imprese e stazionario per il 32,7%. Nessuna grande impresa ha visto il dato in diminuzione.

Difficoltà nel reperimento del personale: il 3,5% delle aziende campione la considera molto elevata e il 17,5% elevata, mentre il 38,6% riscontra una difficoltà media e il 21,1% riscontra una difficoltà bassa. Il 19,3% non riscontra alcuna difficoltà.

Ricorso alla cassa integrazione: per il 75,9% delle aziende è da escludersi, il 10,3% lo considera poco probabile, il 13,8% lo considera probabile ma limitato e nessuna azienda lo ritiene probabile e consistente. Analizzando i principali settori merceologici, il metalmeccanico, settore molto importante per l’economia riminese, che nello scorso semestre aveva registrato una performance non troppo positiva per via di alcune realtà del territorio che lavorano su commessa, in questo semestre ha portato importanti segnali di crescita. Il settore che continua a soffrire maggiormente è quello del legno e mobile.

 

PREVISIONI I° SEMESTRE 2018


Le previsioni, relative al primo semestre 2018 sono nel complesso positive.

Produzione: in aumento per il 60% delle imprese campione, stazionaria per il 30,9% e in diminuzione per il 9,1%. Nessuna grande impresa prevede un calo.

Ordini: il 63,8% degli imprenditori prevede un aumento, il 27,6% prevede una stazionarietà e solo l’8,6% una diminuzione. Ordini esteri: 54,3% stazionarietà, 39,2% aumento e 6,5% diminuzione. Anche in questo caso nessuna grande impresa prevede una diminuzione degli ordini.

Giacenze: il 69,6% le prevede stazionarie, il 17,9% in aumento e il 12,5% in diminuzione.

Occupazione: prevista stazionaria per il 63,8% del campione, in crescita per il 27,6% e in calo per l’8,6%.

INVESTIMENTI

2017-2018

L’indagine sugli investimenti effettuati nel 2017 rileva un dato in crescita in valore assoluto, infatti sono cresciuti del 2,5%. Viceversa la percentuale degli investimenti rispetto al fatturato, essendo cresciuto nel 2017 in maniera significativa, risulta lievemente in calo attestandosi al +4,7% rispetto al +5% del 2016. L’andamento in crescita, come nel 2016, ha pertanto interrotto il calo degli anni precedenti (-4,9% nel 2015, – 6,3% nel 2013, -10,3% nel 2012 e -8,4% nel 2009 sempre con riferimento all’anno precedente). Investimenti considerata le classi dimensionali: medie imprese +5,4%, piccole +5,2% e grandi +4,5%.

Relativamente ai settori, quelli che nel 2017 hanno investito maggiormente in percentuale sul fatturato sono stati il chimico e farmaceutico (7,4%), i materiali (5%), l’abbigliamento (4,8%), il metalmeccanico (4,4%) ed infine il settore alimentari (4,2%).

Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento