Home FixingFixing Quando non esisteva la licenza per l’abbigliamento dei bambini

Quando non esisteva la licenza per l’abbigliamento dei bambini

da Redazione

Primefoglie ha festeggiato i 35 anni: un’attività antesignana che ha puntato sempre sulla ricerca.

Primefoglie

 

di Alessandro Carli

 

Pioniera, nella sua attività, la signora Lidia Ciotti lo è stata: 35 anni fa, quando aprì il negozio “Primefoglie” (“primo amore” aggiunge) in via del Bando numero 2, non esisteva la licenza commerciale del suo settore, quello dell’abbigliamento e delle calzature per i bambini.

“Nel 1982 l’abbigliamento era ‘generico’. Io però avevo chiara in mente l’idea imprenditoriale, l’outfit dei più piccoli con brand di livello. Mi dissero che non l’attività non avrebbe avuto lunga vita, e invece…”. Invece sabato 30 settembre ha festeggiato i 35 anni di attività, oltre un terzo di secolo. Ripercorriamo assieme a lei i tempi e come sono cambiati gli approcci dei più piccoli all’abbigliamento. Dopo 15 anni, nel 1997, l’attività si è trasferita in via Cibrario numero 25, a Borgo Maggiore, mantenendo comunque l’idea iniziale, quella di lavorare (e proporre) brand di qualità quali ad esempio Moncler, Armani, Gael, Dsquared, Stone Island, Monnalisa e Woolrich. Marchi “che piacciono ai bambini ma anche ai più grandi”. Il segreto per riuscire a rimanere sul mercato per così tanto tempo (“La crisi del 2008 l’abbiamo avvertita anche noi ma non in maniera così incisiva, anche grazie alla fidelizzazione con i clienti sammarinesi e del circondario” racconta ) è racchiuso in due parole: sapersi rinnovare. “Nel nostro settore va fatta molta ricerca. Le attività come la nostra, per essere competitive e riuscire a crescere, devono puntare su prodotti ricercati di nicchia ma e allo stesso tempo non devono ‘abbassare la guardia’: è fondamentale mantenere i livelli di qualità che ti sei prefissato”. Ricerca, per la signora Lidia Ciotti, significa anche anticipare le tendenze. “I nuovi brand vanno intercettati prima degli altri, al momento giusto. Le tempistiche, per noi, sono importantissime”.

Tempistiche ma anche crescita. “Nel tempo, al negozio, abbiamo aggiunto anche una ‘seconda sede’, nello specifico un outlet in cui proponiamo collezioni dell’anno prima a prezzi molto competitivi”.

Come detto poc’anzi, la clientela non è solo sammarinese. “Ci vengono a trovare da Rimini, Riccione e da tutto il circondario: la ‘specializzazione’ e la qualità, nel tempo, ci hanno premiati”. Una nota di colore…Lidia ci racconta che tra tutti i suoli tanti clienti hanno varcato la porta d’ingresso del negozio negli anni ci sono anche personaggi noti del mondo dello spettacolo e dello sport.

Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento