Home FixingFixing Apertura dei testamenti segreti depositati presso l’Archivio di Stato

Apertura dei testamenti segreti depositati presso l’Archivio di Stato

da Redazione

San Marino, è stato pubblicato il regolamento numero 2 del 2015. Articolo per articolo, ecco cosa prevede.

 

E’ stato pubblicato il regolamento numero 2 del 2015 che fa chiarezza sull’apertura e sulla pubblicazione dei testamenti segreti depositati presso l’archivio di Stato della Repubblica di San Marino.

Andiamo a leggere, articolo per articolo, i dettagli del nuovo Regolamento.

 

ARTICOLO 2

Colui che richiede l’apertura del testamento è tenuto a versare all’Archivio di Stato, contestualmente alla presentazione della richiesta, una somma pari all’onorario fisso previsto dal tariffario notarile, oltre l’importo dovuto per il pagamento delle imposte di bollo e di registro.

L’Archivio di Stato, successivamente, provvede ad incassare l’onorario di cui al comma che precede e a versarlo all’Erario.

 

ARTICOLO 3

Dopo la pubblicazione del testamento, l’Archivio di Stato ne trasmette copia semplice all’Ordine degli Avvocati e Notai, nel caso di Notaio defunto, o direttamente al Notaio che lo ha redatto, nel caso in cui questi, ancora vivente, abbia cessato la propria attività, continuando a risiedere nella Repubblica di San Marino o abbia depositato all’Archivio di Stato l’esatto domicilio, per la determinazione dell’onorario graduale da calcolarsi sulla base delle norme vigenti.

Al fine della determinazione dell’onorario, l’Ufficio del Registro e Conservatoria, su richiesta dell’Ordine degli Avvocati e Notai o del Notaio, se vivente, comunicherà al richiedente il valore della massa ereditaria risultante dalla denuncia di successione.

 

ARTICOLO 4

L’Ordine degli Avvocati e Notai o il Notaio, se vivente, indica all’Archivio di Stato l’ammontare esatto e complessivo dell’onorario notarile graduale, da devolversi agli eredi del Notaio defunto o al Notaio vivente. La determinazione del suddetto onorario è eseguita in base al tariffario notarile.

 

ARTICOLO 5

L’articolo 5 invece chiarisce che l’Archivio di Stato, a seguito della comunicazione, richiede il pagamento dell’onorario graduale a chi ha chiesto l’apertura del testamento.

 

ARTICOLO 6

L’Archivio di Stato comunica infine agli eredi del Notaio defunto, se residenti nella Repubblica di San Marino, o direttamente al Notaio, se vivente, l’avvenuto deposito dell’onorario, a seguito del quale è possibile ritirare il testamento, entro il termine di un anno dall’apertura dello stesso. La ripartizione del suddetto onorario tra gli eredi del Notaio defunto è effettuata dall’Ufficio del Registro su richiesta dell’Archivio di Stato.

Nel caso in cui nel termine indicato al primo comma gli onorari non vengano riscossi, gli stessi sono definitivamente incamerati dallo Stato su apposito capitolo di bilancio.

 

ARTICOLO 7

L’Archivio di Stato è autorizzato ad aprire libretti bancari di deposito per tutte le operazioni previste nel presente regolamento.

Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento