Home categorieComunicati Stampa San Marino, Smac: particolare attenzione va posta al controllo dei prezzi

San Marino, Smac: particolare attenzione va posta al controllo dei prezzi

da Redazione

Questa mattina Associazione Sportello Consumatori e ASDICO hanno incontrato il Segretario di Stato per le Finanze, per affrontare il tema della piena operatività della Smac. Lo stesso Segretario di Stato ha informato le Associazioni circa una serie di interventi per correggere e risolvere efficacemente alcune problematiche tecniche che si sono verificate in questa fase dell’applicazione della Smac.

Le Associazioni, da parte loro, in primo luogo hanno chiesto di gestire in modo corretto le segnalazioni provenienti dai cittadini circa le inadempienze e le scorrettezze riscontrate rispetto alle norme sulla obbligatorietà della Smac, provvedendo effettivamente ad intervenire laddove necessario per indurre gli operatori ad utilizzare la San Marino Card in conformità alle leggi. Oltre a ciò hanno chiesto di garantire il pieno rispetto dell’anonimato dei cittadini che effettuano le loro segnalazioni.

Le stesse Associazioni hanno chiesto inoltre di convocare in tempi brevi la Commissione Smac, già prevista da anni, e di cui fanno parte anche Sportello Consumatori e ASDICO. Tra le esigenze sollevate con forza dalle Associazioni, vi è la necessità di un costante e accurato monitoraggio dei prezzi praticati all’interno della RSM; ciò a partire dalla riattivazione dell’Osservatorio prezzi, altro organismo non convocato da anni. All’Osservatorio è necessario assegnare strumenti operativi e poteri di intervento che gli consentano di svolgere un ruolo di effettivo monitoraggio e controllo dei prezzi.

Una particolare attenzione va posta ai generi alimentari e di prima necessità; in tal senso a San Marino è stato rilevato un andamento dei prezzi di tali generi superiore rispetto al circondario, fatto questo che contrasta con la situazione di deflazione che da qualche tempo si registra nel contesto italiano. È necessario contrastare e bloccare tempestivamente questa tendenza all’aumento dei prezzi, in particolare dei generi di primaria necessità, sia per non vanificare la scontistica Smac che per non creare ulteriori difficoltà ai tanti cittadini che con la crisi hanno subito un forte ridimensionamento delle loro capacità economiche.

Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento