Home NotizieSan Marino PDCS e NS uniti per il rilancio dell’azione di governo e maggioranza

PDCS e NS uniti per il rilancio dell’azione di governo e maggioranza

da Redazione

“Confermare la netta discontinuità con le modalità di agire del passato”.

 

SAN MARINO – Uscire dalla verifica rilanciando l’azione dell’Esecutivo e la sinergia con la Maggioranza per continuare il progetto di riforma del Paese, come concordato ad inizio Legislatura, e confermando netta discontinuità con le modalità di agire del passato.

Questa la linea emersa il 13 gennaio, nell’incontro congiunto degli Organismi Direttivi e del Gruppo Consiliare della Lista PDCS NS, dopo il riferimento della delegazione che ha partecipato ai primi due incontri che hanno impegnato i vertici della Maggioranza nella scorsa settimana.

L’attenta analisi degli interventi fatti dalla Coalizione e dal Governo, in questi due anni di legislatura, ha messo in luce i grandi passi fatti da San Marino nella direzione della trasparenza e della sostenibilità, e i numerosi riconoscimenti avuti da tutti gli organismi internazionali e locali, tra i quali il recente inserimento della Repubblica nella “white list” italiana.

La Lista PDCS NS ritiene necessario continuare ad affrontare con coraggio la questione morale, emersa in questi ultimi due anni grazie agli interventi legislativi e strutturali attuati. Interventi che hanno consentito alla Magistratura di avere a disposizione gli strumenti utili alle indagini ed una normativa più stringente riguardo ai reati di riciclaggio che stanno purtroppo interessando anche esponenti della politica sammarinese.

Il cammino verso la trasparenza deve continuare senza timori e rallentamenti, al fine di recuperare la fiducia della cittadinanza – tradita da chi ha messo i propri interessi particolari davanti a quelli della collettività – continuando ad operare in maniera discontinua rispetto alle modalità del passato.

Considerate le esigenze di crescita del Paese, la Lista PDCS NS ritiene anche essenziale concretizzare nel più breve tempo possibile gli interventi utili allo sviluppo individuati nell’ultima sessione consiliare, definendo una programmazione con tempistiche definite a medio-lungo termine, al fine di dare maggiore organicità agli investimenti e offrire apertamente alla cittadinanza le direttrici di tale azione.

Molto è stato fatto ma tanto altro resta da fare. Per la Lista PDCS NS, il 2015 dovrà essere l’anno della realizzazione di alcuni tra i più importanti progetti che disegneranno il futuro del Paese, e dell’attuazione di quegli interventi utili a potenziare l’operatività dell’amministrazione pubblica snellendone la burocrazia.

Sempre nell’ottica dello sviluppo futuro di San Marino, e quale tema all’ordine del prossimo Consiglio Grande e Generale, è stato fatto un riferimento sul tema dell’Accordo di associazione con l’Unione Europea, di cui è stato dato mandato a fine dello scorso anno e da attuarsi nei prossimi anni, valutando le opportunità derivanti dalla scelta di allargare l’orizzonte della Repubblica a tutta l’Europa e a tutto il globo.

E’ stato fatto anche un riferimento ai provvedimenti normativi che saranno discussi nella prossima sessione consiliare e che avranno in oggetto la revisione della legge sulle residenze, i profili di ruolo, la riforma del catasto, l’edilizia sovvenzionata e l’inclusione delle persone con disabilità.

Una nota positiva è stata espressa anche riguardo al Bilancio previsionale 2015, approvato nella scorsa sessione di dicembre, chiuso con un disavanzo al di sotto dei 14 milioni, senza interventi straordinari aggiuntivi, con l’impegno di giungere al pareggio attraverso ulteriori interventi di contenimento della spesa e la riorganizzazione delle risorse e servizi.

Dopo due anni di legislatura, considerando l’opportunità di tale momento di verifica e in attesa del prossimo incontro di venerdì 16 gennaio, la Lista PDCS NS esprime la propria volontà di impegnarsi a porre ogni azione utile a rilanciare l’azione dell’Esecutivo e della Maggioranza per dare risposte concrete alla cittadinanza, come ha fatto finora nel rispetto del mandato elettorale.

Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento