Home NotizieSan Marino San Marino, Segreteria FUPI: “Bene il decreto sugli acquisti per la Pubblica amministrazione”

San Marino, Segreteria FUPI: “Bene il decreto sugli acquisti per la Pubblica amministrazione”

da Redazione

Rilanciata la necessità di riprendere il confronto per il rinnovo contrattuale dei dipendenti pubblici; il contratto è scaduto da oltre due anni. Sulla Smac, occorre un sistema che incentivi anche i turisti a richiederla.

 

SAN MARINO – La Segreteria FUPI-CSdL ha espresso parere favorevole rispetto al Decreto approvato il 30 dicembre dello scorso anno, che regolamenta l’acquisto di beni e servizi per la Pubblica Amministrazione. Un tema, quello della lotta agli sprechi e delle inefficienze, sul quale in passato la Federazione si è espressa in diverse occasioni. Questa nuova regolamentazione rappresenta uno strumento importante che però non va lasciato a sé stesso; infatti, se non supportata da adeguati controlli, può risultare inutile. È pertanto necessario mantenere viva l’attenzione sui tanti sprechi ancora presenti nella Pubblica Amministrazione; in più la normativa va necessariamente completata con l’adozione di una nuova regolamentazione sugli appalti per l’esecuzione delle opere pubbliche.

Particolare attenzione è stata rivolta alla questione SMAC. La Segreteria ha ribadito la necessità che il processo di adeguamento alla normativa vada avanti senza indugi, nel rispetto della normativa valorizzando l’atteggiamento di quegli imprenditori che hanno scelto la SMAC dal primo momento. Per fare ciò sarà necessario prevedere, in particolare per gli esercizi del settore turistico (i cui clienti non hanno nessun “interesse” alla cosiddetta “strisciata”) un sistema che incentivi il turista a chiedere la stessa Smac, garantendogli dei vantaggi come sconti su ulteriori acquisti, rimborsi parziali della tassazione sui beni acquistati, e così via.

La Segreteria FUPI ha inoltre ribadito la necessità di riprendere il confronto in materia contrattuale, essendo il contratto ormai scaduto da oltre due anni. Pur comprendendo le difficoltà del bilancio dello stato, vanno tuttavia affrontati i temi proposti nella piattaforma sindacale presentata nel 2013, che non contiene solo richieste di adeguamento economico. Difendere il reddito delle famiglie residenti equivale a fare un’operazione di sostentamento dell’economia del paese, tanto quanto le politiche intraprese a favore del sistema bancario e imprenditoriale.

Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento