Home NotizieSan Marino L’ODCEC sull’entrata di San Marino in White List

L’ODCEC sull’entrata di San Marino in White List

da Redazione

Con la firma del Decreto Ministeriale da parte del Ministro Padoan in data 29/12/14, si avvia verso una conclusione il processo di normalizzazione dei rapporti tra l’Italia e il Titano.

 

SAN MARINO – L’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili della Repubblica di San Marino esprime grande soddisfazione per l’ingresso a pieno titolo del nostro Paese nella “white list” Italiana.

Con la firma del Decreto Ministeriale da parte del Ministro Padoan in data 29/12/14, si avvia verso una conclusione il processo di normalizzazione dei rapporti tra l’Italia e San Marino.

Le due precedenti e fondamentali tappe sono state la ratifica dell’accordo contro le doppie imposizioni avvenuta nel 2013, e l’uscita dalla “black list” Italiana della Repubblica di San Marino avvenuta il 12 Febbraio 2014 la Repubblica di San Marino, sempre su disposizione del Ministero dell’Economia e delle Finanze, con la conseguente eliminazione degli adempimenti burocratici che avevano penalizzato dal 2010 l’interscambio commerciale italo-sammarinese.

Un risultato storico che riconferma il buon livello delle relazioni tra i due Paesi, nel 75esimo anniversario della Convenzione di Amicizia e buon vicinato.

L’inserimento della Repubblica di San Marino nella “white list” apre nuovi e più significativi scenari per gli operatori economici che vorranno insediarsi nel nostro Paese, in un quadro non solo di collaborazione e fiducia reciproca, ma anche di maggiore integrazione tra i sistemi economici dei due Stati.

L’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, nel rimarcare il proprio fondamentale contributo alle profonde trasformazioni che ha avuto la nostra piccola realtà, soprattutto in ambito fiscale, amministrativo e finanziario, rinnova la più ampia disponibilità verso le Istituzioni sammarinesi per favorire al massimo la conoscenza, specialmente attraverso i colleghi italiani, delle opportunità che si presentano ora agli operatori economici di entrambi i Paesi.

Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento