Home FixingFixing San Marino, Primo Pazzini, il pioniere della stampa: “Un lavoro va sempre pensato”

San Marino, Primo Pazzini, il pioniere della stampa: “Un lavoro va sempre pensato”

da Redazione

Il destino, Primo Pazzini, se lo portava nel nome. Fu difatti un pioniere della tipografia locale: fu il primo a portare sul Titano la stampa offset. San Marino Fixing ha avuto il privilegio di poterlo incontrare, qualche anno fa, in occasione del 50ennale di Studiostampa. E oggi che non c’è più lo vogliamo ricordare.


Il destino, Primo Pazzini, se lo portava nel nome. Fu difatti un pioniere della tipografia locale: fu il primo a portare sul Titano la stampa offset. San Marino Fixing ha avuto il privilegio di poterlo incontrare, qualche anno fa, in occasione del 50ennale di Studiostampa. E oggi che non c’è più lo vogliamo ricordare. Uomo innamorato della sua professione e dei figli, ci fece vedere – con un sorriso e mentre si raccontava – come lavorava all’inizio. Con le mani aprì un cassetto e allineò, ma al rovescio, le lettere che componevano il suo nome. Con gesti veloci e precisi, quasi naturali. E ci raccontò che “la macchina utilizzata per la stampa era derivata dalle presse a vite usate per la produzione del vino”. Pura ingegneria. Tenne, davanti a noi, una lectio magistralis sul fare impresa, con il tono di un nonno che parla ai nipotini. “Le tecniche erano sostanzialmente due: la tipografia, ovvero la tecnologia per produrre testi stampati usando matrici composte di caratteri mobili e di cliché inchiostrati, e la litografia”. Per moltissimi professionisti la ‘bottega’ del signor Primo Pazzini è stata un laboratorio in cui accrescere il mestiere: gli insegnamenti appresi vicino all’artista delle lettere sono stati una palestra di vita per chi poi si è messo in proprio. Lo vogliamo salutare con una frase che ci colpì molto: “Un lavoro va sempre pensato, analizzato”.

Un insegnamento che ci è rimasto stampato dentro.

Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento