Home NotizieSan Marino Incentivi all’assunzione, CSIR e Associazione Frontalieri incontrano Meris Soldati

Incentivi all’assunzione, CSIR e Associazione Frontalieri incontrano Meris Soldati

da Redazione

Il CSIR e Associazione Coordinamento Frontalieri, hanno incontrato ieri mattina l’Assessore al Lavoro della Provincia di Rimini, Meris Soldati, al fine di riprendere la questione, già avviata prima delle elezioni italiane, legata alle molteplici problematiche dei lavoratori frontalieri.

Il CSIR e Associazione Coordinamento Frontalieri hanno incontrato ieri mattina l’Assessore al Lavoro della Provincia di Rimini, Meris Soldati, al fine di riprendere la questione, già avviata prima delle elezioni italiane, legata alle molteplici problematiche dei lavoratori frontalieri.

“La discussione, oltre che trattare della problematica fiscale ed a ribadire l’assurdità civica della “tassa etnica” applicata dal Governo Sammarinese, si è concentrata sulle difficoltà di ricollocazione dei lavoratori frontalieri, e sulla necessità di ricercare adeguate protezioni a fronte della perdita del posto di lavoro.

Va infatti precisato che questi lavoratori, che sono quelli che più di tutti stanno pagando la tremenda crisi che ha colpito San Marino e, più in generale l’intera Europa, non possono godere degli incentivi alla assunzione, in nessuno dei due Paesi né, a secondo dei casi, di adeguate prestazioni sociali.

Essendo un tema centrale e di non facile soluzione, l’assessore Soldati si è impegnata ad organizzare, in tempi brevi, un incontro con i responsabili degli Assessorati della Regione Emilia Romagna competenti in materia, con il preciso intento di approfondire e verificare le strade più utili o possibili al fine di riconoscere a tutti i lavoratori italiani (frontalieri compresi) le stesse opportunità ed incentivi per la ricollocazione sul territorio Italiano.

Allo stesso tempo si è condivisa la necessità di organizzare un incontro con i Parlamentari riminesi, per rimettere al centro dell’azione di tutti i soggetti la necessità di giungere velocemente alla approvazione di una Legge ordinaria in materia fiscale, che stabilisca, una volta per tutte, le modalità e le entità di pagamento delle imposte allo Stato Italiano da parte dei lavoratori frontalieri.

Tutto ciò rappresenta un traguardo sempre più a portata di mano dopo l’avvio della ratifica da parte della Camera dell’accordo tra i due Stati sulla doppia imposizione e l’auspicato iter accelerato in Senato.

Il CSIR e l’Associazione Coordinamento Frontalieri, esprimendo un forte apprezzamento per l’azione che le istituzioni locali e i Parlamentari stanno mettendo in campo sul tema del lavoro frontaliero, continueranno a tenere alta l’attenzione affinché, pur nella difficile situazione economica, politica e sociale, non si retroceda dal raggiungimento di questi obiettivi.

 

Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento