Home NotizieSan Marino Ti amo, Malawi. Sinergia tra San Marino for the Children e San Marino RTV

Ti amo, Malawi. Sinergia tra San Marino for the Children e San Marino RTV

da Redazione

Da sabato 23 febbraio a domenica 3 marzo un’inviata di San Marino RTV ha documentato il lavoro svolto dall’associazione in questo stato africano, che si trova nella parte sub-sahariana del continente.

 

La Televisione di Stato di San Marino ha seguito le attività dell’Associazione San Marino for the Children in Malawi. Da sabato 23 febbraio a domenica 03 marzo 2013 un’inviata di San Marino RTV ha documentato il lavoro svolto dall’associazione in questo stato africano, che si trova nella parte sub-sahariana del continente.

Il Malawi è tra i paesi più poveri del mondo, il 75% circa della popolazione vive con poco più di un dollaro al giorno. L’AIDS e la malaria sono le principali cause di morte, che negli anni sono arrivate a causare oltre un milione di orfani.

L’Associazione San Marino for the Children ha donato materiale medico e di prima necessità all’orfanotrofio e al centro disabili di Kankao, gestito dalle Suore Poverelle di Bergamo.

Durante la missione i volontari di San Marino for the Children hanno visitato il carcere di massima sicurezza di Zomba, portando ai bambini delle carcerate materiale didattico, giochi e capi di abbigliamento.

In occasione della visita in Malawi, è stata inaugurata la scuola materna di Matola, complesso che risponde alle esigenze educative di oltre 100 bambini, ma anche alle necessità alimentari delle famiglie. La struttura infatti racchiude un mulino per produrre farina di mais, una delle fonti principali di alimentazione della popolazione locale, e una casa-famiglia che accoglie i bambini particolarmente svantaggiati.

Tutto quello che è stato fatto dall’Associazione San Marino for the Children nel paese sub-sahariano è stato filmato dall’inviata di San Marino RTV e diventerà prossimamente un documentario sulla situazione odierna del Malawi, arricchito dalle testimonianze dei volontari dell’Associazione e della popolazione locale.

Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento