Home categorieCultura San Marino Terra di Giusti (Una storia rimasta negli archivi della memoria locale)

San Marino Terra di Giusti (Una storia rimasta negli archivi della memoria locale)

da Redazione

Asset Banca: il 27 gennaio, a partire dalle 15, si parlerà di giusti: di donne e uomini giusti che rischiarono la propria vita per proteggere gli ebrei e, soprattutto, di uno Stato giusto che mise a repentaglio la propria millenaria sovranità opponendosi al crimine dello sterminio.

 

Il 27 gennaio è il  giorno della memoria e in molti luoghi del mondo si ricordano le vittime (e inevitabilmente i carnefici) dell’olocausto. Al contrario, nella cornice del convegno che si svolgerà presso la sala conferenze di Asset Banca a partire dalle ore 15,00, si parlerà di giusti: di donne e uomini giusti che rischiarono la propria vita per proteggere gli ebrei e, soprattutto, di uno Stato giusto che mise a repentaglio la propria millenaria sovranità opponendosi al crimine dello sterminio. San Marino già molto tempo prima della guerra aveva rapporti con personalità ebraiche, economisti e banchieri che ne erano consulenti. E quando in Italia vennero emanate le leggi razziali tali rapporti non furono interrotti,  si cercò anzi di garantire asilo e protezione. Ciononostante Israele considera San Marino uno stato collaborazionista per via delle sue leggi razziali. Ma esse furono emanate nel 1942, cioè ben quattro anni dopo il 1938, data in cui entrarono in vigore in Italia. Costituirono infatti una sorta di ulteriore strumento di copertura e protezione. Per darci conto di questo prezioso racconto, che illumina la pagina più nera della storia del Novecento, ricercatori e studiosi coordinati dal dott. Davide Bagnaresi dell’Università di Bologna si sono recati negli archivi di tutto il mondo. Oltre al racconto storico riferito puntualmente da ricercatori e studiosi, il convegno darà voce ad alcuni sopravvissuti che proprio a San Marino trovarono rifugio. Infine sarà l’Ambasciatore di Israele Yosef Gershon ad  introdurre il convegno, sottolineandone l’importanza in un periodo in cui i revisionisti tentano in ogni modo di oscurare la memoria di crimini orribili che nessuno purtroppo può negare siano avvenuti.

Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento