Home FixingFixing San Marino, sport da copertina. Il segreto del tiro a volo

San Marino, sport da copertina. Il segreto del tiro a volo

da Redazione

La storia del tiro a volo sammarinese ha radici che affondano nel passato. E’ la storia di una disciplina sportiva che ha regalato le gioie più grandi alla Repubblica di San Marino. E che con Alessandra Perilli ha “rischiato” di portare anche la prima medaglia olimpica della storia.

di Alessandro Carli

 

SAN MARINO – La storia del tiro a volo sammarinese ha radici che affondano nel passato.
“La Federazione è stata fondata nel dopoguerra – racconta il Presidente Moreno Benedettini, in carica dal 2010 -. Attualmente contiamo circa 150 iscritti, uomini e donne, sia sammarinesi che italiani. Siamo anche un’associazione sportiva, aperta anche verso l’esterno”.
Il campo di tiro è ubicato in zona Ciarulla, a Serravalle, in via dei Giacinti numero 24.
“Il campo di tiro a volo è stato inaugurato nel 2001, e nello stesso anno ha ospitato i Giochi dei Piccoli Stati d’Europa – prosegue Moreno Benedettini -. La struttura conta quattro campi polivalenti per le specialità olimpiche, a cui si aggiunge un percorso di caccia in pedana, che però non è annoverato tra le discipline olimpiche”.
Nessuna restrizione per l’età degli atleti. “Nonostante si parli di armi, non ci sono vincoli legati alla maggiore età – sottolinea -. I minori vengono accompagnati dai genitori. Al campo di tiro a volo poi vengono seguiti e consigliati dal responsabile del settore giovanile, che li indirizza verso questa disciplina. Generalmente gli atleti sparano con i fucili da tiro sovrapposti, calibro 12, di marca italiana”.
Per il Presidente, la prestazione londinese di Alessandra Perilli rappresenta “un risultato storico per il Titano. Il risultato di Alessandra potrebbe dare maggior visibilità a questo sport, e magari far avvicinare i più giovani. Già da anni la Federazione si distingue per una fertile attività internazionale”. La bacheca della federazione infatti è impreziosita da numerosi riconoscimenti conquistati in tutto il mondo.  
Oltre al Presidente Moreno Benedettini, l’organigramma è composto dal vicepresidente Alfio Tomassoni, dal segretario Valentina Cellini, dal tesoriere Maurizio Agostini, dal membro del consiglio federale Giuliano Toccaceli e dai responsabili tecnici Mauro Marchi (senior) e da Serafino Carlini (junior).

 

INTERVISTA AD ALESSANDRA PERILLI. VERSO RIO 2016

Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento