Home categoriePolitica Alleanza Popolare: taglio alle Fondazioni anche senza l’intervento di Augusto Casali

Alleanza Popolare: taglio alle Fondazioni anche senza l’intervento di Augusto Casali

da Redazione

Sono quaranta le fondazioni sammarinesi commissariate o chiuse per il mancato adeguamento alle normative, bilanci ballerini o assenza di progetti o attività socialmente utili. Alleanza Popolare si prende il merito e sottolinea le mancanze dell’ex Segretario di Stato Augusto Casali.

SAN MARINO – “Trasparenza e adeguamento agli standard internazionali: anche il recente confronto al Meeting col ministro allo Sviluppo italiano Corrado Passera ha confermato gli sforzi compiuti da San Marino nel cammino di rinnovamento”. Lo ricorda in una nota Alleanza Popolare, che alla vigilia dell’incontro tra il ministro agli Esteri Giulio Terzi di Sant’Agata e il Segretario di Stato Antonella Mularoni, sottolinea l’impegno condotto verso il rispetto dei modelli internazionali.

Un percorso che ha impegnato anche il Consiglio dei XII, dove Ap è rappresentata dal Coordinatore Stefano Palmieri, in particolare da quando l’assemblea del Moneyval ha sensibilizzato il nostro Paese ad adottare misure di adeguamento agli standard internazionali nel settore delle Onlus.

“Pur in assenza di una normativa adeguata che doveva essere presentata dall’ex Segretario alla Giustizia, Augusto Casali, sono partiti controlli serrati e sono stati adottati provvedimenti sulle fondazioni ed associazioni tanto che a gennaio 2012 le Fondazioni sono passate da 120 a meno di 100, e ben 20 ne sono state commissariate nella seduta del 17 maggio scorso. Appurati il mancato adeguamento alle normative, o l’assenza di progetti e di attività socialmente utili, o bilanci ‘ballerini’, o addirittura raccolte fondi ed impieghi ‘discutibili’. Alcuni enti svolgevano attività lucrative o operavano con società in difformità alla legge, o erano nati ed usati come meri contenitori esentasse. Ovviamente certe irregolarità sono state segnalate a Magistratura, Aif e Ufficio tributario”.

A fronte di 40 fondazioni commissariate o chiuse, ce ne sono il doppio che stanno lavorando bene e che ci rendono orgogliosi, dicono ancora da Alleanza Popolare. Il rapporto tra il numero dei volontari e la popolazione è alto. “Segno che i sammarinesi sono molto impegnati e meritoriamente a favore del prossimo. I controlli ed i provvedimenti sui furbetti sono necessari anche per valorizzare l’attività ed il ruolo di chi opera secondo legge al servizio dei più deboli”.

Finalmente, conclude la nota, il Consiglio dei XII ha messo mano a una situazione fuori controllo, resa ancora più spregiudicata dall’assenza di un quadro normativo che dovrà essere una delle prime realizzazioni della prossima legislatura: Alleanza Popolare guarda avanti e indica come necessaria, oggi, una riforma del sistema. Il cammino del rinnovamento e della trasparenza non deve fermarsi: oggi più che mai va dimostrata agli organismi internazionali e all’Italia la serietà del Paese e di chi lo governa, nel segno della continuità.

Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento