Home categorieComunicati Stampa San Marino, Sinistra Unita: Il Patto allargato nasconde la crisi

San Marino, Sinistra Unita: Il Patto allargato nasconde la crisi

da Redazione

SAN MARINO – La festa dell’Amicizia a parte i numeri strabilianti, simili peraltro a quelli dell’Alba sul Monte,  ha riservato ai sammarinesi e anche a noi persone di un partito con dignità istituzionale  due sgradevoli  sorprese.

La prima gravissima, se fosse vera, perché tenuta all’oscuro del Consiglio Grande Generale, e dei Cittadini è quella della presenza  di una nota del ministero degli affari esteri italiani o della Presidenza del Consiglio Italiana che ha accompagnato la firma dell’accordo con l’Italia.
Una nota, da quanto emerge dalle notizie stampe, durissima nei confronti della nostra Repubblica che dovrà adeguarsi nei fatti agli accordi che ha sottoscritto per avere la tanto desiderata uscita dalla lista nera del decreto incentivi.

Decreto Incentivi emesso nella passata legislatura guidata dal Patto per San Marino, lo ricordiamo per tutti coloro che cercano di dimenticare le responsabilità che  ha avuto il Patto per San Marino con  una politica passiva ed incapace di una piena risoluzione dello scontro bilaterale con l’Italia.

La seconda ancora più grave, quella di una consulenza con  una Banca d’Affari privata per 300.000 Euro, sembra al fine di ottenere un prestito per tamponare le difficoltà di liquidità del sistema, per  400-600 Milioni di Euro.

Chiediamo ai giovani democristiani che si sono distinti come promotore per una politica per il  “Bene Comune” se questi due fatti occultati nella loro gravità al Paese, vanno nella direzione da loro desiderata.

Nascondere elementi importanti nel rapporto bilaterale è un atteggiamento che si allinea alla difesa e miglioramento del Bene Comune? 

Dare consulenze  strapagate, sulla scia di quello che hanno fatto i governi precedenti senza ottenere nulla di concreto  con Mc Kinsey e Ambrosetti, nascondendo per di più i motivi e gli obiettivi di questa consulenza strapagata sia un atteggiamento che si allinea con una “buona politica”?

Noi di Sinistra Unita, pur rappresentato una parte della nostra cittadinanza siamo stati tenuti all’oscuro e al di fuori di questi atti “vitali” e fondamentali per futuro della nostra Repubblica.

E per questa ragione vogliamo comunicare a tutti i nostri concittadini  due considerazioni sulle quali riflettere:

1. Dalle nostre analisi il rapporto bilaterale non è ancora risolto perché la maggioranza ha affidato la gestione della transizione  della nostra Repubblica a coloro che avevano utilizzato la Repubblica come paradiso fiscale e che hanno difeso i loro santa sanctorum,  basta  analizzare seriamente la trasformazione del sistema bancario sammarinese , e la vicenda Fincapital  per valutare chi questa trasformazione ha premiato e per comprendere quali interessi sono stati difesi, a nostro avviso non certo gli interessi di un Paese Trasparente e proiettato verso la comunità internazionale..

2. L’indebitamento verso una Banca di Affari per sostenere le esigenze di liquidità dello Stato e del sistema bancario sarebbe la definitiva fine della sovranità sammarinese.

A nostro avviso se i politici del Patto allargato fossero veramente responsabili nei confronti della cittadinanza e del bene comune dovrebbero richiedere sacrifici a tutta la cittadinanza e non cercare soluzioni cartolari che hanno distrutto paesi ben più grandi del nostro.

Sinistra Unita nel suo intento di costruire un Progetto di Qualità per salvare il Paese dalla crisi non nega l’emergenza  dei conti pubblici, non nega  l’emergenza del sistema nel suo complesso e chiede al Paese di seguire un percorso nel solco dell’uguaglianza per richiedere a tutti sacrifici secondo le possibilità di ciascuno per salvare la nostra autonomia.

Ci meravigliamo del silenzio rispetto a questi fatti gravissimi da parte della classe dirigente del Paese , forse sarà il caldo agostano, o forse sarà l’apatia di un Paese che non riesce a scuotersi nonostante le evidenze, o forse la classe dirigente è sempre quella che ha condotto il paese negli ultimi 30 anni,  quella legata mani e piedi con  quella dei partiti maggiori nonostante i danni che questi hanno prodotto!.

Sinistra Unita continuerà la sua opera di informazione e si renderà disponibile a catalizzare le migliori energie del Paese per gestire la grave crisi del Paese, certa che il Patto e il suo allargamento non cambierà le proprie modalità di lavoro che hanno portato il Paese vicini al collasso.

Per salvare il Paese è necessaria una primavera democratica dei cittadini sammarinesi, noi su questo abbiamo sempre lavorato e lavoreremo.

Sinistra Unita

c.s.

Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento