Home NotizieSan Marino San Marino, Commissione finanze: Federico Bartoletti sul FMI

San Marino, Commissione finanze: Federico Bartoletti sul FMI

da Redazione

Il presidente ha poi chiesto la disponibilità dei presenti per l’audizione dei vertici di Banca centrale con la commissione Finanze.

 

La seduta della commissione Finanze si è tenuta in forma ridotta a causa dell’impegno successivo, previsto a Palazzo Begni, di una sua delegazione con il team del Fondo monetario internazionale, in questi giorni in visita sul Titano. I lavori si sono aperti con una comunicazione del presidente, Federico Bartoletti, sull’appuntamento con l’Fmi e con la designazione, da parte dei gruppi consiliari, dei loro rappresentanti chiamati a parteciparvi. Sono stati indicati Marco Gatti (Pdcs-A&l), Stefano Palmieri (Ap), Angela Venturini (Udm), Massimo Cenci (Lb), Pier Marino Mularoni (Upr), Stefano Macina (Psd), Vanessa Muratori (Su) e Federico Pedini Amati (Psrs). Il presidente ha poi chiesto la disponibilità dei presenti per l’audizione dei vertici di Banca centrale con la commissione Finanze: la proposta di Bartoletti è di fissarla per la mattina del 7 marzo e per il pomeriggio e la sera del 14 marzo. Altro appuntamento da definire riguarda invece l’esame in commissione della riforma tributaria. L’auspicio fatto dal presidente è di poter convocare i commissari a fine marzo o al più tardi, all’inizio di aprile. La seduta si è chiusa, mentre una delegazione della commissione si è trasferita a Palazzo Begni per l’incontro a porte chiuse con i tecnici del Fondo monetario internazionale. Federico Bartoletti, presidente della commissione: “Quando al sottoscritto è giunta la richiesta di un incontro da parte della delegazione del Fondo monetario internazionale, ho subito chiesto al personale del dipartimento Affari esteri come poter sviluppare questo appuntamento. E’ arrivato quindi l’invito di procedere con una comunicazione informale perché considerano il nostro organismo alla stregua delle altre istituzioni che fanno parte del programma fitto di incontri della delegazione. Sanno comunque che non siamo né tecnici, né amministrativi, ma che siamo una commissione parlamentare. È la prima volta in assoluto che una delegazione del Fmi incontra una rappresentanza parlamentare. Non mi risulta che sia mai successo in Italia o in altri Paesi. Rispetto invece all’audizione con Banca centrale, l’intenzione originaria era di riuscire a farla questa settimana. Ma per avere un riferimento più esauriente, anche sulle vicende di Banca commerciale e Smib, si è preferito posticipare di qualche giorno, perché ci si augura che la posizione di entrambi gli istituti sia conclusa. Chiedo la disponibilità dei commissari per la mattina del 7 marzo e per il pomeriggio e la sera del 14 marzo. Infine, l’ultima comunicazione riguarda la riforma fiscale. L’obiettivo è di portarla in commissione entro marzo o nelle prime giornate di aprile”.

 

Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento