Home FixingFixing NINI 2010: ecco Nyquist, il matematico che ama la musica

NINI 2010: ecco Nyquist, il matematico che ama la musica

da Redazione

Ecco il progetto “Liuteria Digitale su Tablet PC con OS Android” , con cui Nyquist s.r.l. si è aggiudicato il primo premio della competizione “Nuove Idee Nuove Imprese 2010”.

di Alessandro Carli

SAN MARINO – Il progetto “Liuteria Digitale su Tablet PC con OS Android” – attraverso il quale Nyquist s.r.l. si è aggiudicato il primo premio della competizione “Nuove Idee Nuove Imprese 2010” – è solamente uno dei tre filoni che l’azienda fondata da Giuliano Talacci e Francesco Filomena (nella foto) percorre: l’impresa infatti è specializzata anche in consulenza hardware e software generica e in consulenze specialistiche per strumenti musicali.
“Abbiamo deciso di costituire ‘Nyquist’ tra il 2009 e il 2010 – raccontano i due fondatori -. Era un po’ di tempo che stavamo pensando: arrivati alla soglia dei 40 anni, e stanchi di lavorare in alcune imprese del circondario specializzate in strumenti musicali, abbiamo deciso di metterci in proprio”. Ingegnere elettronico uno (Francesco Filomena), perito elettronico il secondo (Giuliano Talacci), hanno alle spalle un’esperienza quasi ventennale nel settore. Abitano entrambi in Provincia di Rimini, ma hanno scelto la Repubblica di San Marino: la sede dell’impresa è infatti ubicata a Dogana. “Eravamo indecisi se aprire in Italia o sul Titano, e alla fine abbiamo scelto la seconda opzione, nonostante le difficoltà che sono in essere tra i due Stati. Lavoriamo molto con la Germania: in virtù della black list dell’Ocse, che non comprende la Repubblica di San Marino, non abbiamo problemi. Con l’Italia invece c’è qualche attrito: alcune aziende lavorano con noi ma molti ‘ma’, preoccupate della ‘black list’ coniata da Roma. Nyquist è uno studio ingegneristico che non deve affrontare grosse spese, eccezion fatta per la fase di start up, che ha bisogno di benefici fiscali. San Marino, nonostante tutto e in particolar modo per il nostro settore, rappresenta un’opportunità. Abbiamo cercato alcune forme di finanziamento, sia a livello regionale che italiano, ma non abbiamo trovato nulla. Poi, su internet, abbiamo visto il concorso ‘Nuove idee nuove imprese’, e ci siamo iscritti”. Tre, come detto, i campi lavorativi sui quali l’azienda si muove: consulenze hardware e software generiche (“Stiamo lavorando con un’azienda italiana che si occupa di telecomunicazioni, una commessa da un milione di euro, e che riguarderà il 118, la gendarmeria del Titano, eccetera. Noi sviluppiamo una buona parte del software” spiegano Francesco Filomena e Giuliano Talacci); consulenze specialistiche in strumenti musicali; prodotti dell’azienda, come quello che si è aggiudicato il concorso “Nuove idee nuove imprese 2010”. “Stiamo sviluppando, in collaborazione con un’azienda italiana, una tastiera elettronica – evidenziano -. Lo specifico settore del mercato è occupato da grandi marchi, tipo Yamaha. Alla fiera di Francoforte, il ‘Music Messe’, che si terrà ad aprile 2011 – la fiera di riferimento a livello mondiale – porteremo il nostro prodotto: una tastiera dal prezzo contenuto ma dalla qualità elevata. Abbiamo lavorato sulla qualità sonora – la pulizia del suono, eccetera – e sull’affidabilità dello strumento. La sfida del mercato è questa: riuscire ad avere una qualità nitida e importante con un occhio di riguardo ai prezzi”. Negli ultimi 20 anni la qualità del suono si è evoluta. “Oggi la tecnologia permette di arrivare a un livello similare a quello dello strumento reale”.

Liuteria
La “mission” di Nyquist è proprio questa: essere sempre all’avanguardia per mezzo di progetti innovativi ad alto contenuto tecnologico.
Da questa filosofia è nata l’idea di presentare alla competizione “Nuove Idee Nuove Imprese 2010” il Business Plan di un prodotto ancora non presente sul mercato: un dispositivo che coniuga un Tablet PC con uno strumento musicale elettronico professionale. “Ad esempio, se collegato ad una normalissima tastiera – sottolineano Francesco Filomena e Giuliano Talacci – può diventare un clavicembalo o un pianoforte digitale con sonorità di altissimo livello, offrendo allo stesso tempo tutti i vantaggi di un Personal Computer portatile ultra compatto: connettività Wireless, navigazione Web, gestione della posta elettronica, possibilità di scattare, registrare e visualizzare fotografie e filmati digitali grazie all’ampio schermo a colori e sensibile al tocco. In questo modo, per il musicista professionista scompariranno le limitazioni ‘musicali’ tipiche di un Apple I-Pad nonché tutti i problemi connessi alla necessità di utilizzare un Notebook per fare musica”.
 

Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento