Home NotizieSan Marino USC, crisi e riforma pensionistica al centro dell’assemblea annuale

USC, crisi e riforma pensionistica al centro dell’assemblea annuale

da Redazione

Nei giorni scorsi si è svolta l’Assemblea Generale dell’U.S.C. La relazione del Presidente Carlo Lonfernini ha avuto alcuni punti focali tra i quali, l’analisi della crisi economica sammarinese e la proposta di riforma pensionistica che lo stato ha presentato alle associazioni.

SAN MARINO – Mercoledì 23 marzo presso la sala Libertas del Centro Congressi Kursaal di San Marino Città, si è svolta l’Assemblea Generale dell’U.S.C.
Il presidente Carlo Lonfernini ha accolto tutti i presenti all’incontro con la presentazione di tutte le attività che l’Unione Sammarinese Commercio e Turismo ha svolto durante il 2010.
La relazione del Presidente ha avuto alcuni punti focali tra i quali, l’analisi della crisi economica che il paese sta attraversando e la proposta di riforma pensionistica che lo stato ha presentato alle associazioni.
Durante il dibattito vivace ed articolato nato con i presenti alla serata, sono state affrontate diverse problematiche, di carattere generale ma anche di carattere molto specifico derivate dal lavoro quotidiano svolto a contatto con i fornitori e consumatori.
Il problema più urgente, riscontrato per tutto il settore del commercio, dettaglio ma soprattutto ingrosso è quello della relazione con la nostra vicina Italia, opinione dell’associazione e di tutti i presenti che la politica sammarinese a questo punto deve risolvere senza ulteriori indugi.
Se questo sistema di cose non verrà modificato si verificheranno problematiche relative al mantenimento dei dipendenti all’interno delle aziende, sintomatico l’aumento della richiesta di cassa integrazione e mobilità.
Altro problema molto sentito dalla categoria, evidenziato da anni dalla nostra associazione è quello della riforma del sistema pensionistico, la proposta presentata è apparsa debole e non risolutiva rispetto all’entità del deficit del fondo in questione.
Non è possibile pensare che l’unica soluzione a questo problema sia l’aumento dell’aliquota contributiva.
L’assemblea ha visto una buona affluenza delle attività del Centro Storico di San Marino e i problemi che maggiormente sono stati riscontrati sono: migliorare la politica di attrazione turistica, risolvere urgentemente la questione della convenzione parcheggi perché la situazione è diventata insostenibile sia per i lavoratori che per i turisti.
Altra questione urgente è quella del servizio guide turistiche, servizio pubblico scarso e lasciato alla gestione privata senza alcun controllo.
Aggiungiamo alle precedenti segnalazioni il problema delle armerie per la vendita di armi a persone italiane, sempre più questure italiane proibiscono l’acquisto di materiale nelle nostre attività creando grandi difficoltà.
Si è inoltre consegnato a tutti i presenti il nuovo decreto delegato sugli “incentivi per la promozione e il sostegno del comparto turistico e commerciale” riservato al Centro Storico della Capitale e che da la possibilità di richiedere finanziamenti agevolati per la ristrutturazione delle attività commerciali, naturalmente l’associazione rimane a disposizione per consulenze ed ogni informazione in merito.
In fine l’USC ha invitato caldamente tutti gli esercenti ad effettuare segnalazioni di eventuali problemi alla segreteria dell’associazione per poter prendere provvedimenti.

c.s.
 

Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento