Home Giochi del Titano

San Marino, a chi serve ridurre la monofase?

da Redazione

Obiettivo: incentivare i consumi a San Marino. Strumento: la riduzione dell’imposta monofase. Già, peccato che il meccanismo non sia automatico. A chi giova la riduzione della monofase? Dove rischia di perdersi? Focus di Fixing, oggi in edicola.

Obiettivo: incentivare i consumi a San Marino. Strumento: la riduzione delle tasse, nello specifico l’abbassamento di due punti percentuali dell’aliquota Monofase.
In Italia associazioni di categoria e consumatori aprirebbero senz’ombra di dubbio una bottiglia di quello buono per celebrare un ipotetico abbassamento dell’IVA. A San Marino invece il provvedimento suscita non poche perplessità. Il motivo? Ve lo spiega Fixing, oggi in edicola, mettendo a confronto l’IVA italiana e la monofase sammarinese. La differenza balza agli occhi. Da una parte, in Italia (e in UE) l’imposta è plurifase ed è sempre esposta, cioè indicata separatamente. A San Marino è appunto applicata una sola volta, con l’entrata della merce in Repubblica, e scaricata sul consumatore finale inglobandola nel prezzo di vendita. Ciò significa semplicemente una cosa: tale riduzione non necessariamente comporta un abbassamento del prezzo (nessuno mette in dubbio la buona fede del commerciante, ma non si sa mai) e soprattutto non è direttamente percepibile dal consumatore. Ergo, se si volesse vedere un reale effetto sui consumi, l’abbassamento dell’aliquota sammarinese dovrebbe essere più consistente. Cosa di per sé assolutamente impossibile.

Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento