Home NotizieSan Marino San Marino adesso alza la voce: l’Italia non puònon parlare con noi

San Marino adesso alza la voce: l’Italia non puònon parlare con noi

da Redazione

Preoccupazione per i rapporti con l’Italia è stata espressa nuovamente ieri dal segretario di Stato Affari Esteri di San Marino, Antonella Mularoni, durante la settimanale riunione del Congresso.

San Marino? È preoccupato per i rapporti con l’Italia. E come potrebbe essere diversamente. Ma questa volta il piccolo Titano non è solo preoccupato, è anche arrabbiato. Molto arrabbiato.
“A fronte di tantissime riforme fatte da San Marino e riconosciute a livello internazionale, rimane una posizione di incomunicabilità in particolare con un ministero in Italia (quello dell’Economia, ndr)”, ha affermato ieri il Segretario di Stato agli Esteri Antonella Mularoni “e francamente questa posizione ci pare incomprensibile”. Perché – ha riferito il segretario agli Esteri – dall’Italia non sarebbe arrivata alcuna comunicazione ufficiale su “quali sono gli ostacoli e i problemi che stanno generando ingiustamente delle situazioni di difficoltà” per l’economia di San Marino.
A questo proposito, il Titano annuncia nuove azioni di sensibilizzazione in tutte le sedi internazionali in cui è presente. “’Serviranno a far capire a tutti, tutto quello che San Marino ha fatto in questo periodo”, ha sottolineato Mularoni, “compresi gli standard internazionali che ci sono stati riconosciuti anche dall’Ocse. Se ci sono criticità residue che ce lo dicano”. A dire il vero, sia pure informalmente, Tremonti ha fatto capire quali sono le criticità: tanto per dirne un paio, la selva delle finanziarie e una Banca Centrale decapitata (a proposito, quanto altro tempo dovrà passare per avere almeno qualche candidato autorevole, del livello di Biagio Bossone, per intendersi?).
Comunque sia, l’iniziativa dell’esecutivo sammarinese passerà anche attraverso un documento su quanto fatto da San Marino per adeguarsi agli standard internazionali di trasparenza e scambio di informazioni, lo stesso già consegnato agli esperti del Moneyval, da presentarsi agli organismi internazionali.

Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento