Home NotizieSan Marino San Marino, via libera alla manovra straordinaria

San Marino, via libera alla manovra straordinaria

da Redazione

L’esecutivo di San Marino ha licenziato ieri la manovra straordinaria contro la crisi. Due gli obiettivi della manovra, che sarà effettiva, grazie ai decreti, già a partire dai prossimi giorni: ridurre le spese e reperire nuove risorse. Almeno sulla carta, aggiungiamo, perché da più parti si sono levati dubbi sullo "scarso coraggio" del provvedimento. Il Congresso di Stato ha anche affrontato i discorsi della trasparenza e della scuola.

L’esecutivo di San Marino ha licenziato ieri la manovra straordinaria contro la crisi. Due gli obiettivi della manovra, che sarà effettiva, grazie ai decreti, già a partire dai prossimi giorni: ridurre le spese e reperire nuove risorse. Almeno sulla carta, aggiungiamo, perché da più parti si sono levati dubbi sullo "scarso coraggio" del provvedimento.

E’ l’ambizione di muoversi su questo doppio binario su cui si discuterà della manovra nella seduta del parlamento che si aprirà oggi a San Marino.
”La manovra – si legge in una nota del governo – attua gli interventi fiscali ed amministrativi più urgenti, come già annunciato”. E il ministro all’economia, Marco Arzilli annuncia ”non ci sarà nessun dietro front”, riferendosi alle modifiche delle norme per l’ottenimento di società a San Marino: ”noi dobbiamo sapere chiaramente chi ha procedimenti penali per gravi reati quali mafia, usura, riciclaggio e via dicendo. Ogni modifica della normativa passerà comunque attraverso il confronto e il dialogo”.

"NESSUN DIETROFRONT SULLA TRASPARENZA"
San Marino non intende fare nessun dietrofront sulla trasparenza delle concessioni di società, ha affermato, sempre ieri, il Segretario di Stato all’Industria Marco Arzilli (nella foto) a margine dell’incontro con la stampa al termine della riunione del Congresso. Riferendosi alle modifiche delle norme per l’ottenimento di società a San Marino, Arzilli ha detto che San Marino deve sapere chiaramente chi non accogliere in Repubblica, “ovvero chi ha procedimenti penali per gravi reati quali mafia, usura, riciclaggio. Chi pensa che per i mafiosi vi sia spazio per venire a San Marino – ha ribadito Arzilli – si sbaglia”. Ogni modifica e miglioria della normativa sono passate e passeranno comunque attraverso il confronto ed il dialogo, ha concluso il segretario all’Industria.

SCUOLA: PRESTO UNA RIFLESSIONE A TUTTO CAMPO
Il Segretario di Stato alla Cultura, Romeo Morri, ha annunciato dal canto suo, come anticipato da Fixing prima della pausa ferragostana, che nei primi mesi del prossimo anno verrà avviata ”una riflessione a tutto campo sul futuro della scuola sammarinese che coinvolgerà i docenti, gli esperti, gli studenti e le famiglie e riguarderà temi importanti quali la formazione degli insegnanti, le infrastrutture, il trattamento dell’handicap, il potenziamento dello studio della lingua inglese in tutti i gradi scolastici ed il problema del precariato, che sarà comunque affrontato nella riforma della P.A”. l’annuncio arriva in prossimità con l’avvio dell’anno scolastico.
Novità sono in arrivo anche per le strutture. Il ministro al Territorio, Gian Carlo Venturini ha fatto sapere che sono molteplici gli investimenti per adeguare e riqualificare ”le infrastrutture scolastiche del territorio”. Il 2011 sarà l’anno di interventi mirati ”alla manutenzioni e all’adeguamento alle normative di sicurezza, ma anche alla realizzazione di ampliamenti e all’avvio delle procedure per nuovi plessi scolastici”.

 

L’ODG DEL CONSIGLIO GRANDE E GENERALE DI OGGI

Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento