Home categorieSport La carriera di Shoya Tomizawa E’ stato il primo vincitore in Moto2

La carriera di Shoya Tomizawa E’ stato il primo vincitore in Moto2

da Redazione

La scomparsa di Shoya Tomizawa, deceduto a soli 19 anni e mezzo a Riccione dopo un terribile incidente durante la gara del Gp di San Marino e Riviera di Rimini di Moto2, ha lasciato traumatizzato il mondo delle due ruote. Un ragazzo silenzioso ma dalla simpatia contagiosa, sempre pronto al sorriso, sempre pronto a chiedere consigli ai più “vecchi”. Ma capace di andare davvero forte.  

 

La scomparsa di Shoya Tomizawa, deceduto a soli 19 anni e mezzo a Riccione dopo un terribile incidente durante la gara del Gp di San Marino e Riviera di Rimini di Moto2, ha lasciato traumatizzato il mondo delle due ruote. Un ragazzo silenzioso ma dalla simpatia contagiosa, sempre pronto al sorriso, sempre pronto a chiedere consigli ai più “vecchi”. Ma capace di andare davvero forte. È stato il primo vincitore della stagione, dunque il primo vincitore in assoluto nella classe Moto2, inaugurata proprio quest’anno.

Shoya Tomizawa era un altro di quei piloti formatisi da giovanissimi. Sulle due ruote era salito a soli 3 anni con le minimoto e con queste aveva continuato fino al 1996 in modo amatoriale. Dal 1997 arrivano le prime affermazioni, Shoya vince da quell’anno 4 campionati nazionali. Dal 2005 inizia la carriera con le moto da Gran Premio nei trofei organizzati dalla Honda in Giappone. Dal 2009 è nel campionato del mondo, il suo debutto in classe 250 lo vede terminare l’anno in 17/a posizione. Con l’avvento della nuova classe di mezzo, la Moto2, Tomizawa ha vinto il Gp del Qatar a Doha. Buona anche la seconda gara della stagione a Jerez de la Frontera (Spagna), dove conquista un secondo posto. La corsa fatale a Misano, in un maledetto 5 settembre: la stessa data che nel 1993, sulla stessa pista, paralizzò Wayne Rainey, il campione americano della classe 500.

 

VAI ALLA FOTOGALLERY

 

IL VIDEO TRIBUTO A TOMIZAWA

Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento