Home categoriePolitica Incontro tecnico a Roma Mularoni in attesa

Incontro tecnico a Roma Mularoni in attesa

da Redazione

Nella consueta conferenza stampa settimanale dell’esecutivo, ieri il Segretario di Stato agli Esteri di San Marino, Antonella Mularoni ha riassunto i temi di cui si è occupato il governo. Oltre alla manovra economica, i membri di governo hanno discusso anche del rapporto con l’Italia. Il Segretario agli Esteri Antonella Mularoni attende l’incontro tecnico di settembre con Roma. Ipotizzata anche la data del prossimo Consiglio Grande e Generale, previsto per il 14 settembre.

Nella consueta conferenza stampa settimanale dell’esecutivo, ieri il Segretario di Stato agli Esteri di San Marino, Antonella Mularoni ha riassunto i temi di cui si è occupato il governo. Oltre alla manovra economica, i cui dettagli verranno resi noti entro la prima metà di settembre, quando con buona probabilità sarà varata, i membri di governo hanno discusso anche del rapporto con l’Italia, alla luce dell’apparente apertura avvenuta dopo l’incontro con il ministro degli Esteri italiano, Franco Frattini, che, dal Meeting di Rimini, ha rassicurato i colleghi sanmarinesi sulla necessità di riprendere presto il dialogo fra i due Paesi. ”Tutti noi – ha spiegato Mularoni – abbiamo valutato positivamente le parole e le intenzioni di Frattini e ora, come da lui promesso, ci aspettiamo che venga convocato un incontro tecnico bilaterale alla Farnesina, entro la metà settembre. Crediamo anche che ora sia il caso di fare un incontro tecnico, in quanto negli ultimi mesi abbiamo varato numerose riforme di cui il governo italiano non è ovviamente informato nei dettagli tecnici”.
La precisazione della Mularoni era doverosa. Da alcuni mesi, infatti, l’esecutivo di San Marino chiedeva a quello italiano un incontro politico e non tecnico, per definire politicamente i temi del nuovo rapporto bilaterale. Ora invece, dopo le parole di Frattini, pare che si possa andare direttamente verso la firma dell’accordo contro le doppie imposizioni. Accordo già siglato tecnicamente a fine del 2009 e mai ratificato dai due parlamenti. Sempre a metà settembre è prevista la prima seduta del Consiglio Grande e Generale dopo la pausa estiva. La data di inizio lavori ipotizzata è già quella del 14 settembre. A tenere banco, in maggioranza, intanto continua ad essere l’agitazione degli EuroPopolari. E se c’è chi sussurra (ma sono gli stessi che lo fanno da mesi, ormai) che presto si andrà alle elezioni anticipate, ipotesi che sarebbe assai deleteria per il Paese a prescindere da tutto, il prossimo Consiglio sarà proprio un’occasione per la maggioranza di scongiurare tutto questo.

Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento