Home NotizieSan Marino Contro lavoro nero e morti bianche l’impegno del governo di San Marino

Contro lavoro nero e morti bianche l’impegno del governo di San Marino

da Redazione

Contro le morti bianche, gli infortuni sul lavoro e il lavoro nero, il Governo di San Marino vuole intervenire. Anche potenziando il personale dell’ispettorato del lavoro, come ha annunciato ieri il Segretario di Stato Gian Marco Marcucci, dopo le recenti ispezioni che hanno portato alla luce 22 casi di lavoratori in nero.

Contro le morti bianche, gli infortuni sul lavoro e il lavoro nero, il Governo di San Marino ha le idee chiare. Almeno sulla carta. Il Segretario di Stato al Lavoro, Gian Marco Marcucci intende infatti ”Già la prossima settimana valutare assieme agli altri membri di governo se non sia il caso di potenziare il personale dell’ispettorato del lavoro”. Nelle sole ultime settimane sono state fatte alcune ispezioni che hanno fatto emergere 22 casi di lavoratori in nero. ”Il problema – ammette Marcucci – è che con gli ammortizzatori sociali alcuni datori di lavoro chiedono ai lavoratori di licenziarsi, magari usufruendo della cassa integrazione e poi però di continuare a lavorare”. Il lavoro dell’ispettorato, proprio per contrastare fenomeni distorsivi, è molto aumentato. Si è passati dalle 305 ispezioni del 2005, alle 5400 del 2009. Circa lo stesso numero dell’anno in corso. ”Quanto alle morti bianche e agli infortuni sul lavoro – spiega Marcucci – la normativa vigente è all’avanguardia. Si può valutare però se tornare a ripristinare le norme penali alla fattispecie, come era prima del 1980. E’ una delle valutazioni che possiamo fare”.

Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento