Home categorieSport Ciclismo, a soli 50 anni si spegne la stella del Professore Laurent Fignon

Ciclismo, a soli 50 anni si spegne la stella del Professore Laurent Fignon

da Redazione

Un altro lutto colpisce il mondo del ciclismo. A soli cinquant’anni, stroncato da un cancro, se n’è andato Laurent Fignon, due volte vincitore del Tour de France, uno dei più forti ciclisti francesi degli ultimi trent’anni. Fignon era malato dallo scorso anno, quando ammise anche di aver fatto uso di sostanze proibite, pur dicendosi scettico circa la possibile connessione tra il doping e la sua malattia.

Un altro lutto colpisce il mondo del ciclismo. A soli cinquant’anni, stroncato da un cancro, se n’è andato Laurent Fignon, due volte vincitore del Tour de France, uno dei più forti ciclisti francesi degli ultimi trent’anni.
La notizia è stata diffusa da France2, Fignon, soprannominato il ‘Professore’, per gli occhiali che teneva sul naso anche quando correva, ammise a fine carriera di avere assunto sostanze dopanti, anfetamine e cortisone. La confessione arrivò lo scorso anno, quando annunciò in un libro (intitolato "Eravamo giovani e incoscienti") di essere affetto da un cancro al pancreas. L’ex campione transalpino, in un’intervista concessa prima della pubblicazione del suo libro, ammise di avere fatto ricorso al doping ma si disse scettico circa il possibile collegamento tra l’assunzione di sostanze vietate e la sua malattia, diagnosticata in stato già avanzato.

Nella sua lunga e brillante carriera, Fignon vinse il Tour de France nel 1983 e 1984. Nel 1989 sfiorò la doppietta Giro-Tour, portando sino al traguardo finale la maglia rosa e piazzandosi secondo nella Grande Boucle con uno scarto di appena 8" dallo statunitense Greg Lemond dopo avere trascorso 11 giorni in maglia gialla (dalla decima alla ventesima tappa). Il 1989 fu uno dei suoi anni migliori, tanto che conquistò anche la Milano-Sanremo (già vinta nel 1988). Nel suo palmares spiccano anche due affermazioni nel Criterium Internazionale.

Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento