Home NotizieSan Marino Morte sul lavoro a San Marino politica e sindacati s’interrogano

Morte sul lavoro a San Marino politica e sindacati s’interrogano

da Redazione

Dopo l’incidente mortale sul lavoro avvenuto nei giorni scorsi a Dogana, la politica si interroga sull’episodio e sull’importanza di avere regole certe, rispettate, nel mondo del lavoro. All’interno gli interventi del Partito dei Socialisti e dei Democratici, e di Sinistra Unita. Al coro si aggiunge anche il cosiddetto "terzo sindacato", l’Usl.

Il Partito dei Socialisti e dei Democratici è profondamente addolorato per la morte del Signor Luciano Perfetto ed esprime cordoglio ai famigliari della vittima.
L’attenzione e la sensibilità del PSD sono sempre indirizzate verso la qualità della vita sui luoghi di lavoro, il rispetto delle regole e l’accertamento della verità; speriamo quindi che sia fatta piena luce sull’episodio con celerità e completezza, si tratta di infortunio mortale su luogo di lavoro, il terzo in cinque anni.
E’ oltremodo grave e imbarazzante ammettere nel 2010 che si possa ancora rischiare la vita nell’esercizio del lavoro a San Marino e che questo avvenga con frequenza preoccupante, con l’aggravante, da verificare dell’utilizzo in nero delle prestazioni.
PSD

 

 

Sono passati non più di dieci mesi dalla morte di Evaristo Fabrucci. Oggi a morire è Luciano Perfetto, 46 anni, padre di tre figli. Sul lavoro dunque si muore, si muore sempre più spesso come lavoratori in nero, si muore tra le manipolazioni della verità che assomiglia ad omertà e in mezzo a tanta indifferenza. 
A Luciano Perfetto dicono sia toccata la malasorte di trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato. Lasciamo agli investigatori il compito di determinare una verità che deve essere affermata senza incertezze, ma per dovere di cronaca e di denuncia informiamo che uno dei mezzi per nascondere il lavoro nero è educare i lavoratori sfruttati a dire che si trovano sul posto di lavoro pertrovare un amico.
 Poniamo, inoltre, una domanda: com’è possibile che una ditta (la Tra.ma) che movimenta materiale di quel tipo risulti avere un unico dipendente inquadrato come impiegato?
A Luciano Perfetto si sta negando anche la dignità di chi muore di e per lavoro. Un lavoro che sempre più spesso rimane fuori dalla legalità, dalle garanzie contrattuali e dalle necessarie sicurezze. L’idea di una civiltà fondata sul lavoro si sta disintegrando sotto i duri colpi di una deregolamentazione sempre più sfrenata e di una economia che trova competitività solo se abbatte i costi del lavoro e si avvicina e oltrepassa le soglie della legalità.
Ci domandiamo cosa debba accadere perché politica e società tornino all’indignazione se nemmeno un lungo elenco di morti e il riemergere del caporalato sono vissuti come fatti di straordinaria gravità.
Forse è perché le ultime vittime di queste tragedie e soprusi non hanno passaporto sammarinese che su di esse cade svelto l’oblio. Ma i morti non hanno cittadinanza ed il loro peso ed il loro sangue rimane come una colpa indelebile sulla società che li ha prodotti.
Per questo dobbiamo superare l’indifferenza generale ed agire affinché nessuno più muoia sul lavoro. 
La comunità sammarinese deve battersi per superare il perpetrarsi della violenza e dell’inciviltà prodotta da un modello economico e culturale che si fonda sempre più nell’illegalità. 
Un’illegalità sul cui altare non è più tollerabile sacrificare vite umane. Lo dobbiamo a Luciano, a Evaristo e a tutti i morti sul lavoro e alle loro famiglie. 

Alla famiglia di Luciano Perfetto vanno il nostro pensiero e le nostre condoglianze in questo dolorosissimo momento.
Sinistra Unita

 

 

L’Unione Sammarinese dei Lavoratori esprime profondo cordoglio per la morte di Luciano Perfetto, deceduto Lunedì a seguito di un tragico incidente nel piazzale della ditta Tra.ma di Dogana, e porge sentite condoglianze alla famiglia.
Nell’attesa che le indagini chiariscano le modalità dell’accaduto e si faccia luce sulla posizione dell’operaio presente sul luogo di lavoro durante lo scarico della merce, l’U.S.L. sottolinea ancora una volta la necessità che le prestazioni lavorative avvengano in condizioni di assoluta sicurezza e nel puntuale rispetto della normativa vigente, assicurando la tutela dei lavoratori anche attraverso un potenziamento dei controlli e inasprimento delle sanzioni in caso di inottemperanza.
La Segreteria U.S.L.

Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento