Home NotizieAttualità I 15 anni di Emergency: 3 milioni di persone curate

I 15 anni di Emergency: 3 milioni di persone curate

da Redazione

Emergency compie 15 anni. Li festeggia proprio in questi giorni, sino al 13 settembre, a Firenze. Quindici anni di intensa attività nei luoghi più “caldi” del mondo. In questi anni ha curato oltre tre milioni di persone. La festa nel nome di Teresa Sarti Strada, recentemente scomparsa.

Emergency compie 15 anni. Li festeggia proprio in questi giorni, sino al 13 settembre, a Firenze. Quindici anni di intensa attività nei luoghi più “caldi” del mondo. “Emergency ha curato circa 3 milioni di persone” ha affermato Maso Notarianni, membro del direttivo dell’associazione e direttore di Peace Reporter, che riporta notizia dell’evento, sottolineando anche l’altissimo livello degli ospedali di Emergency.
Notarianni ha ricordato come, in 15 anni, Emergency abbia curato circa 3 milioni di persone e come tutti gli ospedali di Emergency siano di altissimo livello. “Il criterio al quale ci atteniamo – ha detto – è questo: ‘ci faremmo curare i nostri figli?’.” In particolare è stato citato l’ospedale di Khartoum, sostenuto dalla Regione Toscana, che “rappresenta il meglio della cardiochirurgia mondiale”.
“Sono stato sabato scorso a Milano, con il Gonfalone della Regione Toscana, per i funerali di Teresa Sarti Strada, la fondatrice insieme a Gino Strada di Emergency. L’ho fatto perchè noi siamo debitori verso Teresa e verso Emergency, lo è il nostro Paese, l’Italia”, ha detto Massimo Toschi, assessore regionale alla cooperazione internazionale, alla conferenza stampa di presentazione dell’evento. Che naturalmente è contraddistinto dal ricordo della scomparsa di Teresa Strada.
Tra i testimonial dell’evento, anche Paolo Hendel, che ha spiegato il senso della sua partecipazione, insieme a molti altri artisti, alla settimana di Emergency. “Ma come si può non sostenere un’associazione di volontari, medici e paramedici che salva le persone nelle zone di guerra del mondo. Sono eroici. Comunque all’incontro nazionale di Firenze non partecipa Hendel, ma Carcarlo Pravettoni, l’industriale cinico e baro che costruisce le mine antiuomo. Con Emergency c’è una complementarietà, perchè Pravettoni fa le mine antiuomo, Emergency fa di tutto per toglierle e Pravettoni ce le rimette subito”.

Forse potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento